Close
Antichità Giglio

Pittori e Scultori dell'800

DIPINTI DELL’OTTOCENTO

 

Verso metà Ottocento si inizia ad andare incontro ad un moto di astrazione: gli artisti abbandonano i canoni accademici e iniziano ad usare la pittura come strumento di espressione, allontanandosi sempre di più dall’aspetto naturalistico. Il colore, le linee, le forme e il modo di usare la materia diventano veicolo per comunicare sentimenti e ideologie. 

 

ROMANTICISMO

Dopo la seconda metà del XVIII secolo, con le grandi rivoluzioni, nascono nuove sensibilità che creano una corrente storica nuova: il Preromanticismo. Questo movimento inizia a svilupparsi in Germania e in Francia ed è caratterizzato da irrazionalità, in contrapposizione all’Illuminismo e al Neoclassicismo. La ragione viene considerata insufficiente per la conoscenza del mondo.

Su questa linea, alla fine del secolo e per il corso del XIX, in tutta Europa si diffonde il Romanticismo. Questo movimento artistico e culturale è caratterizzato da emotività, immaginazione e spiritualità, in cui ogni artista afferma i propri caratteri individuali e il proprio modo di sentire. L’uomo non basta più a se stesso ma tende all’infinito.

Le caratteristiche principali dei dipinti romantici sono: il rapporto uomo-natura, il ritorno al passato medievale, l’ispirazione all’infinito e il senso di libertà e nazionalismo.

La bellezza della natura crea nell’uomo dei sentimenti contrastanti, grazie ai quali è possibile cogliere la bellezza: nasce il concetto di sublime. Nell’arte romantica l’artista cerca infatti di sublimare la natura, nel tentativo di ricreare una sensazione di pura bellezza, di infinito. Questo carattere del Romanticismo è perfettamente esemplificato nei dipinti di Caspar David Friedrich. 

Il Romanticismo presenta però diverse sfaccettature, in base al territorio in cui si è sviluppato. In Inghilterra, con William Turner, e in Germania, con Friedrich, si tende ad aderire la corrente del sublime; in Francia vi è un romanticismo che guarda molto ai valori di libertà e di nazionalità, come quello dei dipinti di Delacroix e Géricault; in Italia invece si sviluppa invece il romanticismo storico, di cui maggiore esponente è Francesco Hayez.

 

REALISMO

A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, il Romanticismo inizia a mostrare segni di cedimento. Questo avviene soprattutto in Francia, dove Gustave Courbet sviluppa un movimento artistico e letterario che parte dall’idea positivista dello studio della realtà in modo scientifico. Questo movimento viene chiamato infatti Realismo e si fa sempre più accesso a causa delle rivoluzioni del 1848. I dipinti dell’ottocento realista cercano di rappresentare la realtà nuda e cruda, senza allegorie ma attraverso dei dati di fatto presenti e non della storia passata.

I dipinti realisti, in particolare per quanto riguarda Courbet e Daumier, hanno lo scopo di mostrare le condizioni di vita delle classi lavoratrici, ritraendo gente povera e semplice come i contadini o gli operai o realizzando caricature per descrivere le sofferenze delle classi inferiori. Il realismo di Millet invece si concentrava a rappresentare un mondo rurale dai caratteri ancora romantici e idilliaci.

Il realismo, con la sua ricerca del vero, fu la premessa per la pittura di Manet e degli impressionisti.

Anche in Italia, dopo il 1850 e con la diffusione del pensiero positivista, che volge uno sguardo scientifico alla realtà, si costituì un gruppo di artisti con tendenze realiste a Firenze, nel Caffè Michelangelo.

Questo gruppo tendeva a riscoprire la realtà quotidiana e dipingeva per macchie di colore nette, proprio per questo motivo vennero definiti dispregiativamente “Macchiaioli”.

 

IMPRESSIONISMO

Nel 1863 a Parigi, il pittore Edouard Manet espone il dipinto “Le déjeuner sur l’herbe” provocando un notevole scandalo sia per la totale rottura con le regole accademiche sia per il soggetto definito immorale dall’opinione pubblica. Nel 1874 si tenne inoltre la prima mostra ufficiale dei pittori impressionisti presso lo studio del fotografo Felix Nadar, alla quale parteciparono i pittori Claude Monet, Edgard Degas, Alfred Sisley e Pierre-Auguste Renoir. Questa mostra venne definita dai critici d’arte Exposition Impressioniste, definizione che prendeva spunto dal dipinto di Monet, “Impression, soleil levant”.

L’arte impressionista deriva direttamente dal realismo ma, a differenza di esso, non si occupa di problemi sociali e ideologici. Gli artisti impressionisti infatti nascono con l’idea di rappresentare la realtà cogliendone solo la parte sensibile. I dipinti impressionisti cercano di riprodurre i fenomeni ottici della visione con la maggior fedeltà possibile, dando particolare attenzione alla luce e al colore. Questo tipo di pittura si ha anche grazie all’invenzione dei tubetti di colore che consentiva la pittura en plein air. La luce è il vero soggetto dei dipinti impressionisti, ne sono un esempio i circa trenta dipinti della Cattedrale di Rouen, in cui Monet fa un vero e proprio studio della luce in diversi attimi e in diverse condizioni climatiche. L’artista impressionista ha lo scopo di cogliere l’attimo, effimero e fuggente, ed “intrappolarlo” nella tela. 

 

POST-IMPRESSIONISMO

“L’arte è l’uomo aggiunto alla natura; la natura, la realtà, la verità, ma con un significato, con una concezione, con un carattere che l’artista fa uscir fuori e ai quali dà espressione.”  - Vincent Van Gogh

Tra il 1880 e gli inizi del 1900 in Francia e, successivamente, nel resto d’Europa, si sviluppano diverse esperienze artistiche che vengono accomunate sotto il termine di Post Impressionismo. Le opere di questo periodo non hanno infatti dei caratteri stilistici comuni, ma comprendono diverse tecniche e stili che si pongono l’unico obiettivo di comunicare delle emozioni interiori e psicologiche e non più la realtà.

È proprio in questa fase che si creano le premesse uno degli stili fondamentali del Novecento - l’espressionismo - e di rivoluzioni totali nel campo dell’arte. 

Queste premesse vengono create in particolare dall’attività di tre principali pittori postimpressionisti: Vincent Van Gogh, Paul Gauguin ed Edvard Munch. Questi pittori riproducono il riflesso interiore della realtà esterna con forte carica drammatica e deformando forme e colori in base ai sentimenti e alle sensazioni che vogliono esprimere.

Dal punto di vista tecnico, negli stessi anni, troviamo l’attività artistica di altri pittori tra cui Paul Cézanne (fondamentale per la nascita del cubismo), Georges Seurat (principale esponente del puntinismo) ed Henri de Toulouse-Lautrec.

 

SIMBOLISMO

Nel 1885, in Francia, in reazione alla pura visività dell’impressionismo inizia ad affermarsi una nuova corrente artistica: il simbolismo.

I dipinti simbolisti hanno come scopo quello di realizzare un’arte che sia espressione dell’Idea attraverso l’uso del simbolo. Questi dipinti risultano molto raffinati e ricchi di interesse per il sogno, la visione interiore e l’immaginazione.

I precorritori principali di questo movimento furono Gustave Moreau e Pierre Puvis de Chavannes. Il maggior pittore simbolista è invece Odilon Redon.

Tuttavia anche il contenuto dei dipinti di altri artisti come Gustav Klimt può essere ricondotto al simbolismo, come ad esempio “Le tre età della vita”, “Salomè” e “Giuditta”.

 

DIVISIONISMO

Tra il 1885 e il 1915 inizia a svilupparsi in Italia una nuova corrente artistica: il divisionismo. Questo movimento guarda molto al simbolismo per quanto riguarda il contenuto delle opere e al neo-impressionismo francese nella tecnica.

I dipinti divisionisti sono infatti realizzati con un procedimento di scomposizione del colore, applicandolo sulla tela con pennellate lunghe e filamentose. 

Gli artisti principali del divisionismo italiano furono soprattutto Gaetano Previati, Giovanni Segantini e Giuseppe Pellizza da Volpedo.

Mentre Previati e Segantini si ispirano molto al simbolismo, Pellizza da Volpedo si interessa invece ai temi del realismo sociale.

La tecnica divisionista fu una premessa per i successivi pittori futuristi come Giacomo Balla, Luigi Russolo, Gino Severini e Umberto Boccioni.

 

Achenbach Oswald
(Düsseldorf, 2 febbraio 1827 – 1 febbraio 1905)
Agazzi Ermenegildo
(Mapello, 24 luglio 1866 – Bergamo, 25 ottobre 1945)
Alciati Antonio Ambrogio
(Vercelli, 1878 – Milano, 8 marzo 1929)
Amus Eugenio
(Brescia, 1834 - Bordeaux, 1899)
Andreotti Federico
(Firenze, 6 marzo 1847 – 1930)
Andreotti Libero
(Pescia, 15 giugno 1875 – Firenze, 4 aprile 1933)
Appiani Andrea
( Milano, 31 maggio, 1754 - 8 novembre 1817)
Arienti Carlo
(Arcore, 1801 – Bologna, 1873)
Armand Guillaumin Jean-Baptiste
(Parigi, 16 febbraio 1841 – Orly, 26 giugno 1927)
Armenise Raffaele
(Bari, 1852 – Malgrate, 1925)
Ashton Federico
(Milano, 1836 o 1840 - Valico del Sempione, Svizzera, 1909)
Ashton Luigi
(Firenze 1824 - Milano 1884)
Audubon John James
(Les Cayes, 26 aprile 1785 – New York, 27 gennaio 1851)
Avondo Vittorio
(Torino, 10 agosto 1836 – 14 dicembre 1910)
Ayres Pietro
(Savigliano 1794 - Torino 1878)
Barabino Nicolò
(San Pier d'Arena, 13 giugno 1832 – Firenze, 19 ottobre 1891)
Bartolena Giovanni
(Livorno, 24 giugno 1866 – 16 febbraio 1942)
Bazzaro Leonardo
(Milano, 13 dicembre 1853 – 2 novembre 1937)
Bechi Luigi
(Firenze, marzo 1830 – 19 novembre 1919)
Bellei Gaetano
(Modena, 22 gennaio, 1857 - marzo, 1922)
Belloni Giorgio
(Codogno, 13 dicembre 1861 – Mezzegra, 12 aprile 1944)
Bianchi Luigi
(Milano 1827 - 1914)
Bisi Luigi
(Milano, 10 maggio 1810 – 1886)
Böcklin Arnold
(Basilea, 16 ottobre 1827 – San Domenico di Fiesole, 16 gennaio 1901)

Desideri vendere arte o antiquariato?
Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


381453