Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Libero Andreotti

(Pescia, 15 giugno 1875 – Firenze, 4 aprile 1933)

Libero Andreotti fu un grande artista poliedrico, illustratore e ceramista ma soprattutto scultore, uno dei più grandi del Novecento.

Libero Andreotti nacque a Pescia nel 1875 e sin da giovane, ovvero dall’età di otto anni, lavora come fabbro per poi smettere verso i diciassette anni quando decise di frequentare un corso per diventare maestro delle elementari. Un corso che non portò mai termine poiché incontrò a Lucca, nel 1897, Alfredo Caselli, Giacomo Puccini e Giovanni Pascoli che gli fecero scoprire la bellezza dell’arte.

Grazie ad uno zio, Libero Andreotti trovò lavoro presso una libreria palermitana dove tuttavia non si trovò a suo agio ragion per cui decise presto di tornare a Firenze (1899) dove proseguì con la sua carriera d’illustratore e ceramista.

Successivamente l’artista partì alla volta di Milano dove iniziò ad interessarsi alla scultura (1904)  in scala ridotta, fu molto importante in questo periodo l’amicizia con Vittore Grubicy de Dragon che divenne una sorta di mecenate per l’artista. Fu grazie a lui che prese parte alla VII Esposizione internazionale d’arte alla Biennale di Venezia con quattro sculture di cera: Lucertolina, Madame Herosse,Adolescente e La gatta.

Quindi terminata questa esperienza partì verso Parigi dove potè approfondire gli studi e la tecnica, si unisce  al gruppo della Giovane Etruria con Galileo Chini, Plinio Nomellini, Sergio Tommasi e Sirio Tofanari con cui partecipa alla VII Esposizione Internazionale d’Arte di Veneziacon il bronzo Purosangue. Nel 1908 prende parte all’Esposizione Torricelliana a Faenza con Donna Vittoria continuando ad esporre a Parigi.

Tuttavia a causa della prima guerra mondiale (1914) dovette far rientro in Italia dove insegnò all’Accademia di Firenze con Domenico Trentacoste.

Una delle più prestigiose commissioni che gli furono affidate risale al 1922, quando gli furono commissionati i lavori ai monumenti di Saronno, alla basilica di Santa Croce a Firenze ed all’Arco della Vittoria di Bolzano.

Negli ultimi anni della sua vita e della sua attività non si allontanò da Firenze dove fu sepolto a seguito della sua morte avvenuta nel 1933.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


836255