Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Bartolena Giovanni

(Livorno, 24 giugno 1866 – 16 febbraio 1942)

Giovanni Bartolena fu un noto pittore italiano dotato di straordinario talento artistico, vivace ed irrequieto, fu molto apprezzato per l’armonia del disegno, la poesia dei soggetti paesaggistici e l’uso sapiente della luce e del colore.

Nacque a Livorno, nel 1866, in una ricca famiglia in cui mosse i primi passi nel mondo dell’arte, grazie allo zio Cesare, pittore.

Successivamente il Bartilena ventenne frequentò l‘Accademia di Belle Arti di Firenze, dove seguì i corsi di Giovanni Fattori che, scoprendone il talento, ne curò personalmente l’istruzione. Avendo un carattere molto forte e vivace, il Bartolena non tardò a porre discussioni con i suoi maestri

L’esordio nella pittura, avvenne nel 1892 con un’esposizione alla Promotrice di Torino, contemporaneamente la famiglia cadde in disgrazia e Bartilena per guadagnare dovette dipingere a tempo pieno. Successivamente, nel 1896, partecipò alla Prima Esposizione Triennale d’Arte a Torino con l’opera “Cavallo morto”.

Seguì un viaggio a Marsiglia, nel 1898, con un breve soggiorno in cui però non dipinse molto bensì lavorò come conduttore di carrozze. Quindi, dopo sei mesi, ritornò in patria, inizialmente in Versilia, a Fossa dell’Abate nel 1915, ospite dell’amico Plinio Nomellini, quindi a Livorno, nel 1917, ospite di Paolo Fabbrini, direttore del Corriere di Livorno ed infine si stabilì definitivamente a Livorno nel 1919.

Indurito di carattere dalle avversità, Batilena si dedicò totalmente alla pittura, rifuggendo però legami, vincoli e contratti. I soggetti preferiti dei suoi quadri furono i paesaggi e le nature morte, a cui si dedicò completamente dal 1912 in poi.

Partecipò ad un’importante mostra a Milano nel 1925 dove riscosse molti pareri favorevoli da parte del pubblico, della critica e degli altri pittori. In questa occasione conobbe Luciano Cassuto, mercante di tessuti, che divenne suo mecenate. Si susseguirono altre esposizioni a Livorno, Milano e Venezia.

Pose fine alla collaborazione nel 1929 ma continuò ugualmente ad esporre fino alla fine degli anni trenta, riscuotendo sempre un notevole successo. Pochi anni dopo, nel 1942, si ammalò e morì in un ospedale di Livorno.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


937346