Close
Antichità Giglio

Carlo Antonio e Vittorio Raineri, a) b) c) d) e) 'Uccelli'

COD. 1192
Carlo Antonio e Vittorio Raineri, a) b) c) d) e) 'Uccelli'

Acquatinta acquarellata

Carlo Antonio e Vittorio Raineri
? 1765 – Milano 1826 e Genova 1797 – Milano 1869 ?

a) Il fagiano argentato e il fagiano dorato

b) Una ghiandaia e un uccello fantastico su ramo e roccia, una farfalla in volo e numerosi insetti

c) Un avvoltoio papa di libera interpretazione, un serpente tra le foglie e un gufetto in volo

d) Un avvoltoio, tipo grifone, con serpente avviluppato, un uccellino esotico e una farfalla

e) Un gufo con puzzola, un uccello esotico e una farfalla

acquatinta acquarellata, cm 54x69,5 circa. Inciso in basso a sinistra: Carlo Antonio Raineri inventò e dipinse e a destra: Vittorio Raineri incise e colorì

 


Carlo Antonio e Vittorio Raineri si inseriscono nel panorama degli ornatisti che operarono in ambito lombardo e ligure tra Settecento e Ottocento. Collocabili tra i grandi decoratori europei, seguirono il gusto del tempo per l’arredo esotico prendendo spunto dagli artisti francesi e tedeschi, declinandolo secondo la tradizione naturalistica lombarda. In questo la loro particolarità: la capacità di sfrondare dagli eccessi le fantasticherie esotiche per creare uno scenario decorativo nel rispetto della trattazione ornitologica e naturalistica. Tra i più noti lavori dei Raineri si ricordano: le tappezzerie di Palazzo Perego, della Villa Reale di Monza, Palazzo Anguissola, nel Castello di Jerago. Oltre alle grandi opere si ricordano committenze genovesi e milanesi per acquarelli, tempere e piccoli dipinti.

Queste cinque acquatinte acquarellate fanno parte della “Serie delle dodici stampe” databili al 1830 circa. Si tratta di una produzione molto nota e conosciuta di Vittorio il quale, pur attribuendo la paternità dell’invenzione a Carlo Antonio, dà una nuova impronta decorativa con una sensibilità più ottocentesca. Questa serie, che prende ispirazione dalla tappezzeria di Monza, si discosta un poco dall’ispirazione scientifica e lontana dalle tavole ornitologiche per dare più peso alla parte decorativa e coloristica delle raffigurazioni. Ad esempio il fagiano argentato e il fagiano dorato sono ripresi piuttosto da una raffigurazione di tradizione decorativa cinese, eppure sono tra i soggetti di Vittorio più vicini al vero. Questa serie ebbe molto successo e la sua presenza in numerose collezioni private ci dimostrano l’allineamento della nobiltà e dell’alta borghesia lombarda e genovese alla moda europea che vedeva nelle tavole ornitologiche un colto e raffinato elemento d’arredo e di decorazione.

Si veda per confronto: AA.VV., Gli uccelli dei Raineri, Milano, 1994, pagg. 101 e passim


DISPONIBILE
Nuovi Arrivi

Desideri vendere arte o antiquariato?
Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


550220