Close
Antichità Giglio

Elegante divano, Lombardia, XVIII secolo

COD. 1278
Elegante divano, Lombardia, XVIII secolo

In noce scolpito e intagliato

Il divano presenta la classica forma dei divani lombardi del Settecento denominati "ad orecchioni". Lo schienale presenta una sagomatura a molteplici volute a culminare in una piccola riserva tra due tralci fioriti scolpiti. I braccioli estroflessi terminano in un ricciolo molto pronunciato e plendidamente intagliato. La cintura è sagomata ed è suddivisa in tre parti ciascuna centrata da un cartiglio contenente un cuore. Le otto gambe sono arcuate, anch'esse decorate da un motivo a cartiglio e tralci e terminanti in un ricciolo. Piedi a puntale. Schienale, braccioli e sedile imbottiti e rivestiti in tessuto operato verde a grandi motivi fogliati avorio. Dimensioni: 108x223x72

Il divano “ad orecchioni” è così da sempre denominato per i suoi braccioli estroflessi. Essi accompagnano la storia del mobilio lombardo sin dal loro apparire in un periodo di transizione tra il XVII e il XVIII secolo. Infatti, l’austerità delle basi e delle gambe a rocchetto dei mobili va via via ad ingentilirsi e nei divani, pur restando le gambe tornite con i pesanti dadi di raccordo, gli schienali e i braccioli si fanno a volute. Questo movimento dei braccioli si chiama appunto “ad orecchioni” mentre in Piemonte viene denominato “flasco”. Verso la prima metà del XVIII secolo le mosse diventano sempre più evidenti e i virtuosismi si leggono nelle linee più numerose e spezzate negli schienali e nei riccioli in cui terminano i braccioli. Questi sono scolpiti con eleganza e, a volte, con intagli di influenza veneta. Dalla metà del XVIII secolo la leggerezza dei divani si ottiene con gli schienali suddivisi in scomparti con traverse sagomate oppure resi a giorno e quindi sollevati rispetto alla seduta. Le gambe di pari passo si assottigliano, si incurvano e, così come le cinture, vengono scolpite con leggeri decori a tralci fioriti, a piccole riserve e cartigli. Ad aumentare raffinatezza, eleganza e leggerezza ci immaginiamo gli abiti ampi delle dame a gareggiare in sontuosità con le tappezzerie operate in seta dei rivestimenti dei divani.

Per confronti con il divano qui presentato si veda: C. Alberici, Il mobile lombardo, Milano 1969, pagg. 140-143 e AA.VV. La collezione Cagnola, Busto Arsizio 1999, p. 142


DISPONIBILE
NUOVI ARRIVI

DESIDERI VENDERE DIPINTI o ANTIQUARIATO?
VUOI UNA VALUTAZIONE GRATUITA?
CONTATTACI SENZA IMPEGNO!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
ACQUISTIAMO:
Mobili e Dipinti antichi, Dipinti dell'800 e del '900, Sculture, Oggetti, Argenteria, Antiquariato Cinese, Lampadari, Mobili di design, Ecc.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


786752