Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Zandomeneghi Federico

(Venezia, 2 giugno 1841 – Parigi, 31 dicembre 1917)

Federico Zandomeneghi nasce a Venezia nel giugno del 1841. Nato in una famiglia di artisti, figlio di Pietro, scultore e nipote di Luigi, anch’egli scultore, intraprese presto il cammino dell’arte, ma non della scultura che non si confaceva ai suoi desideri.

Nel 1859, per evitare l’arruolamento obbligatorio nell’esercito austriaco, fuggì a Pavia e nel 1860 si unì a Garibaldi nell’impresa dei Mille. Dopo l’impresa Garibaldina, Zandomenighi nel 1862 si trova a Firenze, nel gruppo dei Macchiaioli con V. Cabianca, O. Borrani e S. Lega.  Lì vi rimane per ben cinque anni fino a quando non è costretto a rientrare a Venezia, per problemi familiari.

Ne 1874, poco più che trentenne, Zandomenighi parte alla scoperta di Parigi e della pittura dei giovani impressionisti. E proprio la capitale francese divenne la sua dimora sia privata che artistica per più di 40 anni.

Qui riuscì ad assimilare le nuove tendenze artistiche, quelle che più si rifacevano al suo spirito da colorista. Si fece assumere alle dipendenze del mercante Durant-Ruel che ottenne l’esclusiva delle sue opere, tenendolo però in ombra rispetto a Degas e Renoir, a cui Zandomenighi si richiama.

I suoi lavori sempre originali, scindevano il tessuto cromatico in contenuti delicati, ma allo stesso tempo intensi, tanto da guadagnarsi l’appellativo di edessinateur formidable da parte dei suoi colleghi.

Alla gloria e al successo, però, seguì un periodo cupo e silenzioso che durò fino alla sua morte avvenuta nel Dicembre del 1917.

Le sue opere e la sua importanza rientrano pienamente nella storia della pittura italo-francese e i suoi lavori, soprattutto i pastelli, competono in maniera eccellente con in più grandi nomi dell’Impressionismo francese.

Soggetti principali fiori e figure femminili, ben rappresentate in Nudino in poltrona; Violetta invernale; Capelli d’oro e Risveglio. Da non sottovalutare i paesaggi e ritratti di come quello  di Diego Martelli.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


758700