Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Henri Fantin-Latour

(Grenoble, 14 gennaio 1836 – Buré, 25 agosto 1904)

Ignace Henri Jean Théodore Fantin-Latour – conosciuto tuttavia come Henri Fantin-Latour – fu un artista francese, pittore e litografo, molto noto anche in Italia.

Il pittore nacque a Grenoble, in Francia, il 14 gennaio del 1836: qui ebbe modo di iniziare a destreggiarsi con l’arte e la pittura, sia grazie agli insegnamenti del padre Jean-Théodore Fantin-Latour, sia grazie al maestro Horace Lecoq de Boisbaudran, artista e maestro francese al quale il giovane pittore dovette molto.

Tuttavia, la sua vera e propria carriera formativa avvenne dal 1854, quando il giovane venne mandato presso la Scuola di Belle Arti di Parigi, dove poté misurarsi in diverse tecniche ma dove rimane soprattutto affascinato dall’uso del colore, anche se per tutta la vita cercò di evitare di riprendere o di imitare un pittore o un artista in particolare.

Non poté tuttavia fare a meno di apprezzare i grandi maestri come Rembrandt, dal quale trasse ispirazione per i suoi primi dipinti.

Ebbe modo, nel corso di quegli anni, di incontrare diversi artisti e pittori famosi: si ricorda in particolare l’incontro con il grande maestro Gustave Courbet, nel cui studio, a partire dal 1859, il pittore iniziò a lavorare per alcuni anni.

Tra i dipinti più interessanti, si ricorda in particolare un’opera appartenente al 1872, dal titolo Le Coin de Table: in quest’opera, come in molte altre, appare sottolineata l’esigenza dell’artista di slegarsi dallo stile dell’epoca, vertendo verso un rifiuto dell’Impressionismo ed accogliendo, invece, un proprio realismo con il quale diede vita a molte delle sue opere e composizioni.

Del pittore si ricordano le nature morte, e l’attenzione verso la litografia, che lo appassionò molto e che gli permise di realizzare diversi ritratti di numerosi compositori di una certa fama.

Negli ultimi anni della sua vita continuò ad ispirarsi a temi musicali; nel 1876 il pittore sposò Victoria Dubourg – anch’ella pittrice nonché sua allieva – e si trasferì a Burè, dove si spense, il 25 agosto del 1904.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


190178