Close
Antichità Giglio
Fattori Giovanni

(Livorno, 1825 – Firenze, 1908)

Pittore ed incisore italiano, Giovanni Fattori è senza dubbio uno dei piò importanti esponenti dei Macchiaioli, ovvero quella corrente artistica che si pone a cavallo tra Ottocento e Novecento come un movimento pittorico che prende il nome dalla tipica assenza di linea e punto geometrico. Tra questi pittori, annoveriamo, oltre al Fattori, anche Silvestro Lega e Telemaco Signorini, che opponendosi al Romanticismo, al Neoclassicismo ed al Purismo, si dicono veristi in quanto sottolineano che l’immagine del vero (della realtà) è un contrasto di macchie di colore e di chiaroscuro.

Innamorato della sua Toscana, Giovanni Fattori anticipò, nei suoi dipinti senza tempo, i tipici giochi di luce degli Impressionisti, sperimentando, oltre alla pittura, anche altre arti come l’incisione, utili a rappresentare la sua terra ed il suo paesaggio, quello della Maremma Toscana.
Fattori nasce a Livorno nel 1825, e sin da ragazzino manifesta la sua passione e la sua propensione verso l’arte ed in particolare verso la pittura. Artista produttivo e particolarmente impegnato, per un certo periodo, anche politicamente, Fattori inizia a dipingere sin da quando aveva 15 anni, quando viene mandato dalla famiglia a prendere lezioni di pittura per perfezionare la sua arte già latente ed in parte manifesta.

L’artista è coinvolto nel 1848 nei moti risorgimentali ed, in particolare, l’assedio di Livorno, avvenuto nell’anno successivo, segna particolarmente il Fattori uomo ma anche il Fattori pittore, che proprio in quel periodo inizia a dipingere battaglie, guerre e soldati, facendo diventare il tema militare un tema quasi unico nella sua pittura.
La sua propensione verso la macchia di colore e l’esclusione delle linee geometriche appartengono al periodo della sua frequentazione del Caffè Michelangelo: a Firenze, nel 1850 Fattori inizia a riunirsi con altri coetanei o appassionati d’arte per discutere, con essi, nuove strade da percorrere, strade preferibilmente antiaccademiche, così come lo è lo scopo del movimento.

Nasce così la corrente dei macchiaioli di cui il pittore Fattori fa parte: la macchia di colore esplode in moltissime sue opere, sia in quelle dal tema militare, come Il campo italiano dopo la Battaglia di Magenta, considerato il primo quadro italiano di storia contemporanea, sia in quelle dal tema familiare e nei paesaggi della Toscana, particolarmente graditi a Fattori. 
Da ricordare, a questo proposito, opere come La Torre rossa, Ritratto della cugina Argia, La rotonda Palmieri e Carro con i buoi.



Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


138500