Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Induno Gerolamo

(Milano, 13 dicembre 1825 – 18 dicembre 1890)

Gerolamo Induno, illustre pittore italiano, nacque a Milano nel 1825. Durante gli anni della sua formazione frequentò l’Accademia di Brera dall’1839 al 1846 e fu alunno di Luigi Sabatelli.

La sua prima esposizione avvenne nel 1845, in una mostra braidense con alcuni dipinti frutto di uno studio dal vero e una “Scena dai Promessi Sposi”. Seguì un’altra esposizione nel 1848, a Firenze, con “Interno di cucina”. A Firenze decise di arruolarsi come volontario spinto da un grande sentimento patriottico e contribuì a salvare Roma dagli assalti francesi.

Tuttavia venne ferito e fu portato a Milano ed affidato alla protezione del conte Giulio Litta. Negli anni a seguire si dedicò a numerose esposizioni a Brera con opere come “Trasteverina colpita da una bomba”, “La difesa del Vascello e Sciancato che suona il mandolino”, “La nonna” e “Povera madre”.

Fra il 1854 ed il 1855 è di nuovo al fronte, con i bersaglieri, nella campagna di Crimea dove eseguì bozzetti, nonché resoconti in immagini che poi espose negli anni successivi come “La battaglia della Cernaia”. Sempre nel 1855 prese parte all’Esposizione Universale di Parigi riscuotendo molta ammirazione e critiche favorevoli.

Induno Gerolamo si affermò quale interprete ufficiale dell’epopea risorgimentale grazie al suo esser sempre presente fra le file garibaldine e decise di non dedicarsi più alla pittura di generema solo di mettere la sua arte al servizio della patria.

Negli inizi degli anni ’60 dell’ottocento, Induno Gerolamo si dedicò a vari quadri celebrativi come “L’ingresso di Vittorio Emanuele II a Venezia” e “La morte di Enrico Cairoli”. Negli anni ’70 dell’ottocento prese parte anche a diverse imprese decorative, come le Allegorie di Roma e di Firenze per i nuovi ambienti della Stazione Ferroviaria di Milano e il sipario con il Giorno del plebiscito di Napoli per il teatro di Gallarate.

Verso la fine del decennio la pittura di Induno Gerolamo cambia rotta ed egli è più propenso verso i soggetti di gusto neosettecentesco particolarmente in voga all’epoca. Morì a Milano nel 1890.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


305771