Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Faruffini Federico

(Sesto San Giovanni, 1833 – Perugia, 1869)

Nato il 12 agosto 1833 a Sesto San Giovanni, Federico Faruffini fu un artista italiano che dedicò la sua vita a due arti in particolare: la pittura e l’incisione.

La famiglia di Federico era abbastanza agiata: il padre, Paolo Faruffini, era un farmacista che aveva sposato Giuseppa Albini e si era trasferito a Milano nel 1822 per svolgere la sua attività, un’attività che a quei tempi gli procurava abbastanza denaro da permettere ai suoi due figli, Federico e Giacomo, di intraprendere la carriera universitaria.

Tuttavia, sebbene il giovane Federico avesse accolto il desiderio della famiglia e si fosse iscritto presso la Facoltà di Giurisprudenza all’Università degli studi a Pavia (dove peraltro aveva studiato il fratello, presso la Facoltà di Farmacia), il suo interesse per l’arte prese ben presto il sopravvento sulla carriera universitaria, diventando la sua unica attività. Le notizie a questo proposito sono piuttosto discordanti: in una mostra a cui aveva partecipato a Brera, il pittore si era definito licenziato in Legge, ma secondo i dati di archivio in possesso della stessa Facoltà, Federico Faruffini non aveva mai concluso gli studi.

Se da un lato le notizie sulla sua carriera universitaria non sono entusiasmanti, il Faruffini mostrò un notevole impegno nella carriera artistica che aveva intrapreso frequentando, a partire dal 1848, la Civica Scuola di Pittura di Pavia insieme ad un altro pittore ottocentesco, Giacomo Trecourt, con cui collaborò per molti anni fin quando, nel 1856, i loro rapporti si interruppero in maniera burrascosa.

Dal punto di vista stilistico, è notevole l’influenza del Trecourt in alcune delle sue opere iniziali, ma negli anni più maturi (e già con l’opera Cola di Rienzi che dalle alture di Roma ne contempla le ruine, con cui partecipò all’Esposizione di Brera (nel 1856), l’artista iniziò il suo percorso di distacco dalla prima formazione, preferendo invece lo stile cromatico del Carnovali.

Nonostante i suoi dipinti famosi siano stati molto apprezzati, l’artista non dovette avere vita facile: risulta, infatti, che si suicidò nel 1869, a Perugia, con il cianuro di potassio.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


865773