Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

D’Azeglio Massimo

(Torino, 24 ottobre 1798 – 15 gennaio 1866)

Massimo D’Azeglio non fu solo un noto pittore italiano ma anche un letterato, un uomo di grande cultura e sapienza. Nacque a Torino nel 1798 in una famiglia benestante che dopo l’invasione napoleonica si trasferì a Firenze.

D’Azeglio in gioventù fece ritorno a Torino per ricoprire il ruolo di guardia del re, in seguito si trasferì ancora a Roma, presso il Vaticano, quindi fece nuovamente ritorno nella sua città natale per entrare nella cavalleria nel reggimento Piemonte Reale.

Nonostante il parere contrario della famiglia, D’azeglio nel 1820 decise d’intraprendere una strada artistica, dopo esser rimasto affascinato dalla pittura. Svolse l’apprendistato a Roma sotto la guida del pittore fiammingo Martin Varstappen. Terminati gli anni di studio ritornò a Roma dove la sua pittura prese un indirizzo paesaggistico, il D’Azeglio difatti in questo periodo si dedicò soprattutto alle vedute rurali copiandole dal vero.

Si diresse a Milano nel 1830 dove strinse amicizia con il Manzoni del quale sposò la figlia.

Decise in questi anni d’intraprendere anche la carriera letteraria scrivendo diversi romanzi come Ettore Fieramosca e La disfida di Barletta.

In seguito intraprese la carriera politica, si recò in Emilia Romagna nel 1845 su mandato del movimento liberale moderato. Fece ritorno quindi a Torino e denunciò a seguito delle “Cinque giornate” i crimini commessi dagli austriaci. Partecipò alla guerra d’indipendenza che decise poi di abbandonare dopo aver perso le speranze nella vittoria. Nel 1849 fu eletto alla Camera e successivamente gli viene affidato l’incarico di costituire un governo (1852).

A causa di alcuni contrasti con il re, D’Azeglio presentò le dimissioni e partecipò ad una vita politica svolgendo missioni secondarie e viaggiando spesso in Italia ed in Europa.

Ottenuto un nuovo incarico di prestigio da Cavour, D’Azeglio nel 1859 ritorna in politica e viene nominato governatore di Milano.

In seguito all’aver ripreso la sua passione per la letteratura si spense a Torino nel 1866.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


569238