Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Angelo Inganni

(Brescia, 1807 – Gussago, 1880)

Angelo Inganni nasce a Brescia nel 1807 e giovanissimo, insieme al fratello più grande, intraprende la strada artistica nella bottega del padre. Il suo impegno e la sua vena artistica lo premiano con parecchie commissioni di dipinti di soggetti sacri, per chiese di campagna di Brescia.

Questi impegni di lavoro lo rendono responsabile fin da subito e il giovane e laborioso pittore italiano, nel 1827, anno importante che segnerà il suo futuro, viene convocato alle armi nel battaglione Cacciatori a Milano. In questo contesto desta l’attenzione del maresciallo Radetzky, che gli chiede di eseguire il suo ritratto, alleggerendolo del servizio militare e dandogli la possibilità di iscriversi nel 1833 all’Accademia di Brera, dove avrà tra gli altri Giovanni Migliara come maestro.

Espone lavori di paesaggio e vedute nelle mostre annuali dell’Accademia, riscuotendo molti apprezzamenti dalla critica. Apre uno studio a Milano e diventa uno dei più ricercati vedutisti del XIX secolo. Riceve commissioni dalla nobiltà e dalla borghesia da tutto il territorio Lombardo-Veneto.

I suoi dipinti sono caratterizzati dalle realistiche vedute lombarde e da personaggi popolani, questo in una chiara antitesi al neoclassicismo, e già in sintonia con il romanticismo. Torna spesso a Brescia, e nei primi anni 40 espone all’Ateneo, una mostra ispirata alle scene di vita contadina.

Dal 1845 comincia in lui un piccolo cambiamento, decide di dedicarsi all’affresco, e lavora nella Chiesa di S. Marco prima e nella cupola di S. Carlo al Corso successivamente.

Alla morte della moglie, si trasferisce a Gussago e, dopo gli anni ’50, diventa sempre più rara la sua presenza alle mostre, continua a dedicarsi a scene di vita contadina e a rappresentazioni di vedute notturne.

Nel 1853 è a Parigi per prendere parte a un’esposizione parigina. Poi lo ritroviamo di nuovo a Milano, presente in molte mostre milanesi con vedute di Milano e di Brescia. Muore nel 1880 a Gussago mentre era alle prese con un dipinto per il monumento delle Cinque Giornate.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


745936