Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Telemaco Signorini

(Firenze, 18 agosto 1835 – 10 febbraio 1901)

Telemaco Signorini nasce a Firenze. Il 18 agosto 1835 è stato un incisore e pittore italiano. Per volere del  padre Giovanni un famoso pittore vedutista appartenente al Granducato di Toscana, segue l’Accademia di Belle Arti di Firenze dal 1852.

Frequenta il Caffè Michelangelo e con esso  altri pittori macchiaioli, sperimenta insieme a due colleghi e amici Odoardo Borrani e Vincenzo Cabiancala la pittura dal vero.

Nel 1859 parte come volontario al secondo conflitto d’indipendenza e nel 1861, appena due anni dopo raggiunge Parigi. Nel 1862 con alcuni amici sperimenta a Firenze la pittura “a macchia”, dando vita alla Scuola di Piagentina.

Di questo periodo ci sono molte opere tra cui “Sala delle agitate” (1865), lavoro che si ambienta in un manicomio fiorentino. Verso fine ottocento dopo una visita al carcere di Portoferraio realizza il dipinto “Bagno penale a Portoferraio” (1890 circa), e tra i carcerati, dipinge il celebre brigante lucano Carmine Crocco.

Nel 1867 insieme a Diego Martelli fonda la rivista “Il Gazzettino delle Arti del Disegno” e si da alla carriera di critico e letterato. Numerosi sono i viaggi in questo periodo Francia, Inghilterra, Scozia viaggi accompagnati sempre da esposizioni di successo.

Telemaco Signorini è sempre molto attento alla realtà, impegnandosi con assiduità nel sociale e con i suoi dipinti movimenta l’opinione pubblica. Famoso è il dipinto “Salone delle agitate”. Rappresenta un reparto psichiatrico femminile dell’Ospedale Bonifacio di Firenze, che il pittore dipinge con assoluto naturalismo e senza sentimentalismo, per presentare il dipinto come  denuncia sociale.

Nel 1867 con Diego Martelli fonda “Il Gazzettino delle Arti e del Disegno”, nel 1871 si sposta a Roma e a Napoli con gli  amici Macchiaioli Adriano Cecioni e Giuseppe De Nittis, per migliorare la già ricca tematica dei suoi quadri, alla ricerca di nuove prospettive e soggetti artistici.

Legato alla sua giovanile passione letteraria, Telemaco Signorini fu anche un buon scrittore e polemista; la sua opera più interessante, come narratore, è “Caricaturisti e caricaturati al caffè Michelangelo”, che venne pubblicata a Firenze nel 1893.

Signorini in Italia passa da una città all’altra e vive più volte tra Parigi e Londra fino al 1896, ormai sessantenne si ferma in provincia di La Spezia, precisamente a Riomaggiore, nelle famose Cinque Terre. Muore qualche anno dopo a Firenze il 10 febbraio 1901.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


658033