Close
Antichità Giglio
Joan Mirò

(Barcellona, 20 aprile 1893 – Palma di Maiorca, 25 dicembre 1983)

Joan Miró nasce a Barcellona nel 1893. La passione per il disegno sorge molto presto quando è ancora un bambino. L’ambiente in cui si trasferisce insieme alla sua famiglia nel 1910 è molto stimolante per la sua formazione e dote artistica. 
Due anni dopo è già entrato nella Scuola d’arte di Barcellona. In questo periodo fa anche la sua conoscenza con il fauvisme e gli viene offerta la possibilità di esporre alle gallerie Dalmau.

A Parigi conosce Picasso ed entra nel circolo Dada che coglie maggiormente la sua attenzione dando vita ad un tipo di pittura davvero originale. “La fattoria” del 1922 ne è un esempio.

Dal 1923 in poi Mirò passa al surrealismo, dopo essere entrato in contatto con diversi artisti del tempo come Reverdy e Masson. L’atmosfera dei primi lavori è, dunque, ambigua e distaccata dalla raffigurazione.

La volontà di creare figure astratte e dotate di automatismo lo porta allo sviluppo di una struttura analogica visibile nel suo “Nudo” del 1926, anni che segnano anche l’apertura a nuove frontiere.
Oltre alla pittura, infatti, Miró utilizzando associazioni e concetti mentali, applica le sue tecniche a diversi tipi di materiali tra cui carta, muri e «oggetti surrealisti». Ed è proprio una pittura murale a renderlo celebre: quello per il padiglione della Spagna repubblicana all’Esposizione internazionale di Parigi.

Dopo la guerra, Mirò torna in Spagna e qui vive diversi anni da solo, chiudendosi anche in una vita molto nomade e solitaria in rifiuto del regime franchista. Inoltre, piuttosto che dare vita a nuovi soggetti, riprende quelli già utilizzati nelle opere precedenti.

Nel 1947 esegue un’altra importante decorazione murale presso l’Hotel Terrace Palace di Cincinnati in concomitanza con il suo primo soggiorno in America. Circa 10 anni dopo, poi, veniva incaricato di decorare il muro di ceramica per il Palazzo dell’UNESCO a Parigi.

Nei primi anni Sessanta Joan Miró decide di visitare l’America diverse altre volte. Nel nuovo mondo gli vengono conferiti moltissimi premi e tributi e l’influenza della pittura americana sarà forte.
La purezza del colore, in questa fase americana, trionferanno e andranno a creare un linguaggio gioioso e surreale. Mirò muore a Palma di Maiorca nel 1983. Viene, però, sepolto a Barcellona.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


887012