Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Giovanni Battista Piazzetta

(Venezia, 13 febbraio 1683 – 29 aprile 1754)

Figlio di Giacomo Piazzetta, nato a Venezia il 13 febbraio 1682, Giovanni Battista Piazzetta fu non solo pittore, ma anche scultore ed intagliatore di una certa importanza artistica e culturale che visse a cavallo tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento e che, per questo, ebbe modo di apprendere diverse correnti artistiche e di formarsi in notevoli differenze pittoriche e culturali di quell’epoca.

La particolarità del pittore fu quella di esprimere nelle sue opere una sorta di dimensione psicologica nella quale si nota il tormento e il tentativo di raggiungere una sintesi pittorica: nei suoi dipinti è chiaro il tormento ed è altrettanto nota la difficoltà di ottenere una plasticità che non gli fu facile raggiungere.

Tuttavia, sebbene nei dipinti e nelle opere del Battista si notino queste difficoltà, non si può dimenticare che a livello di disegni, egli fu uno dei più distinti del suo tempo.

Si formò in un primo momento presso la bottega del padre, e dopo qualche anno passò alla bottega di Andrea Molinari, anche se da una lettera inviata a Nicolosi, si evince che il pittore considerasse come suo primo maestro Silvestro Manaigo. Fu tuttavia a Bologna che Giovanni Battista Piazzetta poté apprendere al meglio l’arte pittorica, studiando in particolare le opere dei Carracci (Ludovico, Agostino e Annibale) e del Guercino.

Da non dimenticare però che l’influenza maggiore fu opera di Giuseppe Maria Crespi, tant’è che è possibile ancora oggi rendersi pienamente conto di diverse analogie tra alcune opere di Crespi e di Piazzetta.

Un’altra particolarità dell’artista fu quella di essere sempre in eterna contrapposizione con sé stesso: sebbene abbia ottenuto un certo successo e riconoscimento del suo sacrificio e del suo lavoro, l’ultimo periodo della sua vita fu particolarmente doloroso, a livello materiale e psicologico. Il pittore, infatti, visse i suoi ultimi anni nella miseria, contornato da un’immensa solitudine, per poi spegnersi a Venezia il 29 aprile 1754.

Tra le opere degne di significato, si ricordano in particolare: Giuditta e Oloferne (a Roma), e L’indovinaIl martirio di San GiacomoGloria di San DomenicoVisione di San Filippo Neri (a Venezia).


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


331421