Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

De Mura Francesco

(Napoli, 21 aprile 1696 – 19 agosto 1782)

Pittore italiano di origine napoletana, De Mura Francesco nasce il 21 aprile del 1696. Nei primi anni della sua infanzia iniziò a frequentare la Bottega di Domenico Viola che frequentò per diverso tempo da cui apprese diversi rudimenti. Poi entrò a far parte dello studio di Francesco Solimena, che influenzò profondamente il suo stile e la sua tecnica pittoricacome si evince dalle sue prime opere tra le quali è presente Il Cristo Morto in croce con San Giovanni, realizzato per conto della Chiesa di San Girolamo alle Monache.

Nel 1728, il De Mura iniziò a mostrare l’intenzione di presentare uno stile pittorico più personale come si evince dai dipinti realizzati per conto della Chiesa di Santa Maria Donnaromiata, cambiamento che risente fortemente dell’influenza dei temi arcadici molto in voga in quel periodo nell’ambiente artistico di Napoli.

Per un breve periodo si trasferì a Torino, dove conobbe il pittore Corrado Giaquinto e l’architetto Alfieri, che arricchì notevolmente il suo bagaglio artistico e culturale.

Rientrato nella realtà napoletana, la sua fama crebbe a tal punto da essere convocato alla corte spagnola, particolarmente colpita dallo stile cromatico del pittore italiano che riuscivano a contaminare i contenuti realistici del classicismo del Settecento dove lo stile roccocò faceva da elemento predominante.

Influenze barocche si notano in fase successiva nelle sue opere laiche quali gli affreschi dei palazzi reali di Torino e Napoli e in quelle a sfondo religioso quali l’Epifania e la Moltiplicazione dei pani.

Una delle sue opere maggiori resta la serie di grandi affreschi realizzati per la chiesa di SS. Severino e Bosso a Napoli.

Muore  a Napoli nel’agosto del 1782.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


842358