Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Ferrari Giovanni Battista

(Brescia, 13 ottobre 1829 - Milano, 26 aprile 1906)

Nacque a Brescia il 13 ottobre del 1829. Con la morte del padre visse in condizioni economiche molto disagiate e fu, quindi, costretto a svolgere molte professioni. Aveva una fede risorgimentale molto marcata, che lo portò a partecipare alle Dieci giornate di Brescia dove incontrò patrioti del calibro di  A. Frigerio e G. Martinengo.

Nel 1855 frequentò la scuola di pittura di Brescia e successivamente fece anche il maestro d’architettura. Nel 1856 si iscrisse all’Accademia di Brera, frequentando il corso di figura e quello di pittura dall’antico e del paesaggio.

Dopo una costante attività artistica ebbe nel 1860, il premio dall’istituzione Girotti e a partecipare alle esposizioni della Società promotrice di belle arti di Torino e dell’Accademia di Brera a Milano. Lui si definiva pittore paesista e dipinse molto i luoghi più suggestivi della sua città natale e quella di adozione, Milano, più i luoghi della Val di Sole terra che aveva dato i natali al padre.

Nelle sue opere la natura è dipinta sempre con sentimento, piena di fascino e mai statica, dove traspare fascino e seduzione. La prima esposizione italiana avvenne a Firenze nel 1861 e nel 1862 partecipò a Londra all’Esposizione internazionale, con il quadro Le rive del Mella. A Londra l’artista ebbe molte delusioni e nel 1863 si trasferì a New York alla ricerca di una nuova vita artistica.

Del periodo trascorso a New York, ad eccezione di qualche opera, ci sono solo poche tracce. Nel 1865 tornò a Brescia divenne maestro ed ebbe come allievo F. Rovetta. Con lui dipinse i luoghi più suggestivi della Val di Ledro. La sua ammirazione per Garibaldi lo portarono a dipingere le sue gesta nel dipinto intitolato Valle di Bezzecca.

Dal 1873 operò tra Milano e Brescia e partecipò a molte esposizioni. Divenne  nel 1885 socio della Società permanente per le belle arti e in questo periodo eseguì opere molto significative tra cui Il castello di BresciaPaesaggio nelle vicinanze di MonluèLa baronia di Croviana Val di Sole e tante altre ancora.

Fu sempre aperto alle innovazioni fino agli ultimi anni della sua attività ed è ricordato come un pittore che, pur non essendo un protagonista, ha lasciato il segno nella storia della pittura di paesaggio lombarda della seconda metà dell’800. Morì a Milano il 26 aprile del 1906.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


899641