Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Diotti Giuseppe

(Casalmaggiore, 1º marzo 1779 – Casalmaggiore, 30 gennaio 1846)

Giuseppe Diotti nacque a Casalmaggiore il 1 Marzo del 1779. Compì il suo apprendistato presso la bottega di Paolo Araldi, per poi trasferirsi all’Accademia di Parma fino al 1796, data in cui fu costretto a tornare in patria a causa di alcuni movimenti rivoluzionari. A questo primo periodo risalgono i dipinti antichi Inverno, Carità romana, Battista in carcere, Ultima cena.

Nel 1804 vinse, con il quadro Ercole e Nesso, una delle pensioni quadriennali per Roma messe a concorso dalla Repubblica Italiana. Si trasferì così nelle capitale, dove alloggiò fino al 1809, quindi oltre il periodo del corso accademico, ed ebbe la possibilità di conoscere l’intero patrimonio artistico della città, nonché di apprendere i principi delNeoclassicismo.

Ritornò a Milano, dove si guadagnò presto la stima di Andrea Appiani, che si adoperò per garantirgli il posto di docente di pittura per l’Accademia di Bergamo, dove Diotti si trasferì l’anno dopo.

Da questo momento in poi la sua vita si dedicò al lavoro ed alla sua unica passione, che era quella di collezionare dipinti antichi.

Realizzò molte opere a soggetto religioso per le chiese della provincia di Bergamo e ricevette anche commissioni dal suo paese di provenienza.

Tra i dipinti con soggetto storico si ricordano Il conte Ugolino e Il giuramento di Pontida. L’Ugolino  rappresenta  l’opera chiave dove rileggere l’antagonismo che contrappose Diotti al più giovane e sicuramente  dotato Francesco Hayez, quest’ultimo tendente alle idee innovatrici del Romanticismo. La competizione si fece evidente quando, nel 1836, il governo austriaco affidò ad Hayez l’affresco nella sala delle Cariatidi al Palazzo reale di Milano.

Il 30 gennaio del 1846 morì a Casalmaggiore, lasciando in eredità la sua raccolta di dipinti antichi (oggi dispersa) e il resto del patrimonio a un nipote.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


871181