Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Delle Piane Giovanni Maria

(Genova, 1660 – Monticelli d'Ongina, 28 giugno 1745)

Giovanni Maria delle Piane, detto Il Mulinaretto, nacque a Genova nel 1660. Da giovanissimo cominciò a frequentare la bottega di Giovan Battista Merano, ma si trasferì presto a Roma, dove continuò gli studi. Spiccò subito il suo talento per i ritratti.

Tornato a Genova dopo la morte di Carbone, il più grande ritrattista genovese, divenne lui il più richiesto pittore dalla nobiltà locale. Eseguì infatti diversi dipinti antichi, come i ritratti per Gian Battista Cattaneo, per il Doge Pietro Durazzo, o per la famiglia Doria, in cui sono evidenti i riferimenti a Rigaud e Largillière, la cui moda francese era ormai giunta a Genova.

Nel 1695 fu invitato dal conte Morando a Parma, dove conobbe la famiglia Farnese, per la quale realizzò alcuni ritratti. Ebbe anche altri committenti, tra l’Emilia e la Liguria, ed eseguì diverse opere a carattere sacro. Questa sua ultima produzione costituisce però un capitolo a parte, e mostra la sua fedeltà alla formazione romana (Angelo Custode; Vergine con Bambino).

Nel 1705 il cardinale Alberoni, inviato del duca Francesco, incaricò l’artista di ritrarre il duca di Vendôme, comandante delle truppe franco-spagnole.

Elisabetta Farnese lo aveva scelto come ritrattista di fiducia, e lo invitò a recarsi in Spagna nel 1719, viaggio che però non fu mai fatto.

In età avanzata, si trattenne per un certo periodo alla corte del re Carlo di Borbone, che lo nominò pittore di camera e gli commissionò i dipinti per lui e la moglie Maria Amalia di Sassonia.

Nel 1741 decise di tornare a Genova, dove continuò a realizzare ritratti per la nobiltà locale, prima di ritirarsi a Monticelli d’Ongina, dove morì quattro anni dopo.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


196357