Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Da Empoli Jacopo

(Firenze, 30 aprile 1551 – 30 settembre 1640)

Jacopo Da Empoli, conosciuto anche come Jacopo Chimenti, dal cognome del padre, nacque a Firenze nel 1551.

Il suo primo e, a quanto pare, unico maestro fu Maso de San Friano, un esponente del manierismo di cui frequentò la bottega da ragazzo, ma che morì quando lui era ancora giovane. Le sue opere, infatti, non mostrano l’influenza del maestro, se non più quella della pittura dei primi grandi del Cinquecento: fra’ Bartolomeo, Andrea del Sarto, Santi di Tito.

Da Empoli, infatti, era diretto ad un’arte popolare e devota, sia classicheggiante che attenta al vero.

Pur non essendo discepolo diretto di Santi, ne seguiva i consigli e copiava dal naturale e dai maestri del passato. Per commissione del cardinale Carlo de’ Medici, da fra’ Bartolomeo copiò i dipinti antichi della Risurrezione di Cristo Profeti in un modo così preciso che alcuni pittori non si accorsero della differenza dagli originali.

Intorno al 1580, i frati della Certosa gli commissionarono diversi quadri dei quali però ci è rimasto solamente  l’affresco con il Discorso della montagna. L’anno dopo realizzò la grande tavola con la Concezione nella chiesa fiorentina di S. Remigio, dove apparve evidente la suggestione della pittura veneta che in quegli anni era in voga a Firenze.

Ma i dipinti antichi più famosi del pittore possono essere ricondotti ai primi due decenni del Seicento, in particolare parliamo di SEligio degli orefici (1614) degli Uffizi e del SIvo protettore delle vedove e degli orfani (1616) a Pitti. Nelle opere di questo periodo,  Da Empoli dipinge i soggetti in atteggiamenti di quotidiana semplicità, a volte anche realistici.

Un dipinto di Jacopo da Empoli si trova nel Santuario della Madonna dei Tre Fiumi nel Mugello, vicino a Ronta.

Jacopo Da Empoli Morì a Firenze nel 1640 e fu sepolto nella chiesa di S. Lorenzo.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


254863