Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Capogrossi Giuseppe

(Roma, 7 marzo 1900 – Roma, 9 ottobre 1972)

Capogrossi Giuseppe nacque a Roma nel 1900. Agli inizi della sua formazione frequentò il liceo classico, terminando gli studi con la laurea in giurisprudenza nel 1926. Nello stesso anno decise di avvicinarsi al mondo della pittura, studiando presso Felice Carena.

Insieme a Cavalli e Di Cocco organizzò la prima mostra a Roma, dove vi visse per una certo periodo alternando lunghi periodi di permanenza a Parigina. Furono questi gli anni in cui ebbe vita il tonalismo di cui lui fu massimo esponente negli anni Trenta.

Nel 1930 partecipò alla biennale di Venezia e da quel periodo iniziarono in una serie dei mostre ed esposizioni che fecero acquisire notevole prestigio alla sua attività di artista. Tra le opere di questo periodo abbiamo I cannottieri, La Piena del Tevere e il Ballo sul fiume. La sua pittura perse negli anni Quaranta il suo slancio tonale mutandosi dopo la guerra volgendosi verso una direzione protesa verso il neocubismo come è possibile notare nelle Due Chitarre.

Fu molto vicino all’astrattismo come è possibile notare nella mostra allestita presso la Galleria del secolo di Roma e a Venezia. Nel 1950 prese parte alla XXV Biennale di Venezia e dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale il Capogrossi divenne uno dei maggiori esponenti della poetica del segno e dello spazio.

Il passaggio graduale dal tonale all’astrattismo fu motivato dalla ricerca di semplificazione dello spazio e della ricerca di un cromatismo incredibilmente variato. In questo modo l’attenzione si sposta dal soggetto alle strutture dello spazio pittorico sino ad abbandonare ogni riferimento con la natura. Morì a Roma nel 1972.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


181492