Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Caffi Ippolito

(Belluno, 16 ottobre 1809 – Lissa, 20 luglio 1866)

Ippolito Caffi, fu un pittore italiano. Nacque a Belluno nel 1809 dove studiò pittura, contro la volontà dei suoi familiari, fino al 1825 avendo come mentori Antonio Federici e Antonio Tessari. Successivamente alla morte del padre si recò a Padova dove fu ospite del cugino pittore Pietro Paoletti.

Quindi si diresse verso Venezia dove frequentò i vedutisti veneziani del Settecento, ritraendo alcune vedute della laguna.

Caffi in seguito, si trasferì a Roma nel 1832 insieme al cugino per migliorare la propria tecnica ed approfondire gli studi, in particolare il genere della veduta.

Nel 1833 Caffi riuscì a realizzare il suo sogno di aprire uno studio in proprio e dedicarsi definitivamente alla pittura dal vero ed al disegno. Dopo aver preso definitivamente dimora a Roma, Caffi intraprese piccoli viaggi per poter esporre le proprie opere d’arte. Sebbene le tonalità dei suoi paesaggi fossero talvolta cupe e malinconiche, a Roma trovò anche l’ispirazione per dei soggetti più  ariosi con colori più chiari e luci delicate.

Arrivò un’importante commissione nel 1841 ovvero la decorazione della sala romana del Caffè Pedrocchi di Padova. Due anni dopo partì alla volta di Napoli e successivamente compì dei viaggi anche in Medio Oriente, in Egitto ed in Grecia per poi rientrare in patria nel 1844.

Nel 1848 il Caffi decise di arruolarsi contro l’Austria ragion per cui raggiunse il Friuli, poco dopo fu catturato ma riuscì ad evadere fuggendo a Venezia. L’anno successivo raggiunse Genova e si susseguirono diverse tappe in città italiane ed estere fra cui: Londra, Torino, Parigi etc.

Nel 1858 durante un soggiorno a Venezia fu arrestato e processato per crimine di pubblica violenza. Rimase incarcerato fino al 1860. Una volta in libertà si unì all’esercito garibaldino, a Napoli e dopo l’Unità d’Italia tornò a Venezia dove ricominciò a dipingere.

Continuò ad intraprendere anche la carriera di soldato e trovò la morte nel 1866 a seguito dell’affondamento della nave Re d’Italia nel corso della battaglia di Lissa.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


960353