Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Cabianca Vincenzo

(Verona, 20 giugno 1827 – Roma, 22 marzo 1902)

Cabianca Vincenzo (Verona 20 giugno 1827 – Roma 21 marzo 1902) fu un pittore italiano. Il padre Giovanni, era vicentino, la mamma Maria Pipa, veronese, frequentò il ginnasio presso il seminario vescovile di Verona, poi passò all’Accademia Cignaroli.

Iniziò a dipingere nella sua città natale, poi si trasferì a Venezia e studiò presso l’Accademia di Venezia prima, e poi dal 1851 studiò a Milano sotto la guida e l’influenza di Domenico Induno. Nel 1853 per sottrarsi alla persecuzione della polizia austriaca per i suoi ideali patriottici si trasferì a Firenze e pur essendo a stretto contatto con Telemaco Signorini e Odoardo Borrani, dipinse soprattutto interni.

Nel 1858 affascinato dai macchiaioli  ne divenne un entusiasta seguace, evidenziandosi per effetti controluce e contrasti chiaro-scuro.  Tra il 1859 e il 1860 insieme a Cristiano Banti effettuò un lungo studio a  Montemurlo, nelle vicinanze di Prato. Le opere di questo periodo Il Porcile e la Donna con un porco contro il sole, gli elementi rilevanti di queste opere furono soprattutto i giochi di luce. Negli anni Cabianca continuò i suoi studi a La Spezia approfondendo gli effetti del sole e di luce, i suoi compagni di ricerche furono Signorini e Banti.

Si trasferì ad Arezzo, qui sono nati La Contadina a Montemurlo e la Donna a Montemurlopregevoli dipinti famosi per coerenza di  stile e della lirica narrativa. Le sue fatiche più apprezzate degli anni sessanta del secolo, furono Le monachine (1861), Il bagno tra gli scogli (1864) e Dante giovinetto (1867), molto influenzate da elementi romantici. Nel 1870 si trasferì a Roma e cominciò a dedicarsi anche agli acquerelli che ebbero  successo soprattutto in Inghilterra. Nel 1899 partecipò alla III Esposizione internazionale d’arte di Venezia.

Nel 2007, si sono tenute mostre a Firenze, Orvieto e Perugia, nel 2008 a Firenze presso il Museo nazionale Alinari della fotografia, in occasione di una mostra dedicata ai macchiaioli e alla fotografia sono state presentate molte immagini fotografiche legate ai macchiaioli, prese dall’archivio personale di Cabianca.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


206206