Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Baldassarre Longoni

(Como, 1876 - 1956)

Baldassarre Longoni, fu un pittore italiano nonché maestro del Divisionismo, un brillante artista attivo tra il XIX e il XX secolo molto amante della ritrattistica, della paesaggistica e del naturalismo. Sorprende sempre la delicatezza della sua pennellata, la naturale diffusione della luce e l’armonia dei colori, la freschezza della natura ritratta immobile e perdurante nonché la naturalezza delle pose dei soggetti da lui ritratti.

Baldassare Longoni nacque a Dizzasco d’Intelvi (Como) l’11 novembre del 1876 e studiò  all’Accademia di Brera con Pogliaghi (1894) come mentore e Vittore Grubicy come ispiratore. Da subito emerse nel pittore una spontanea adesione al Divisionismo. Già ai tempi del suo esordio, avvenuto nel 1898, Baldassare Longoni veniva proclamato dalla critica milanese come uno dei più grandi artisti del periodo.

Nei primi del novecento la pittura di Longoni è totalmente assorbita dal divisionismo ed ispirandosi a Gaetano Previati e Giovanni Segantini dipinge ritratti, paesaggi ma anche scene allegoriche.

I quadri di Baldassarre Longoni comparvero quindi in diverse mostre, come alle Biennali di Venezia (1903, 1907, 1909) ed alle Internazionali di Monaco (1905 e 1909) e vinsero diversi premi, nel 1908 il premio Mylius e nel 1910 il premio Principe Umberto (con il dipinto “Notte”).

Nel 1913 si trasferì a Verona dove insegnò alla Scuola Industriale ed all’Accademia Cignaroli fino al 1920, anno in cui si allontana dalla corrente divisionista. In seguito fece rientro a Como, sempre ben accolto dalla critica, dove tenne diverse esposizioni spostandosi ancora una volta nel corso degli anni venti fra Venezia, Torino e Milano.

Negli anni trenta si dedicò prettamente allo studio del naturalismo della tradizione lombarda. Infine soggiornò a Camerlata, in provincia di Como, città in cui si spense nel 1956.

Fra le sue opere più interessanti ricordiamo: il bozzetto di Pesco fiorito, il bozzetto de Il ponte di ferro, e il bozzetto definitivo per la copertina del libro Gli ordini equestri del Regno d’Italia.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


890381