Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Bonvicino Alessandro

(Rovato, 1498 circa – 1564)

Alessandro Bonvicino, detto il Moretto, fu un pittore italiano nonché un maestro del Rinascimento bresciano i cui quadri furono soggetti all’influenza dell’arte veneta, con chiari rimandi al Tiziano.

Bonvicino nacque a Brescia nel 1498 e qui si svolsero i suoi studi presumibilmente sotto la guida di Vincenzo Foppa. Il suo debutto avvenne attorno al 1511 con la lunetta con l’Incoronazione della Vergine con Santi e donatori posta in San Giovanni Evangelista a Brescia, a cui seguì tre anni dopo una decorazione per un monastero di Santa Croce.

Di questo stesso periodo annoveriamo fra i dipinti dell’Alessandro Bovincino: il Cristo con gli animali, Cristo benedice il Battista e la Madonna in trono col Bambino tra i santi Giacomo Maggiore e Girolamo.

Nel 1518 eseguì altri due lavori molto importanti: le ante d’organo del duomo vecchio di Brescia e il Cristo con la croce e un devoto dell’Accademia Carrara di Bergamo. Due anni dopo si trovò in viaggio in Veneto al ritorno del quale dipinse lo stendardo processionale della Confraternita delle Sante Croci. Fu la volta quindi, nel 1522, di un viaggio a Padova e di un’importante contratto per lo stendardo del Collegio della Mercanzia.

Dal 1526, il Bonvicino, si dedicò anche all’arte del ritratto, traendo ispirazione dalle opere di Lotto e Holbein, eseguendo quadri come il Ritratto di gentiluomo. Verso la fine di questo periodo il Bonvicino si dedicò ad opere come: la Madonna col Bambino e san Giovanni Battista fanciullo in gloria con i santi Benedetto, Paterio, Eufemia e Giustinaora, l’Incoronazione della Vergine con i santi Michele Arcangelo, Giuseppe, Francesco d’Assisi e Nicola di Bari e l’Apparizione della Madonna al sordomuto Filippo Viotti.

Negli anni ’30 del cinquecento realizzò invece: la Santa Margherita d’Antiochia tra i santi Girolamo e Francesco d’Assisi, la Santa Giustina di Padova e un donatore, la Strage degli innocenti, la Pala Rovelli per Santa Maria dei Miracoli a Brescia, la Madonna col Bambino ed i santi Andrea, Eusebia, Domna e Domneone.

Anche negli anni ’40 del cinquecento, il Bonvicino, continuò a dedicarsi all’arte sacra. Risalgono a quest’epoca opere come: le ante d’organo per San Giovanni Evangelista a Brescia, il Presepe per Santa Maria delle Grazie, il Cristo e l’angelo, la Cena in casa del Fariseo e la Caduta di san Paolo.

Degli anni ’50 del cinquecento non si hanno molte notizie, il Bonvicino morì a Brescia presumibilmente attorno al 1554.


Lino Giglio è iscritto all'Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101
e iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


188003