Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Diziani Gaspare

(Belluno, 1689 – Venezia, 17 agosto 1767)

Gaspare Diziani  fu pittore e incisore, nato a Belluno nel 1689. Ricevette la sua formazione presso Antonio Lazzarini, ma si trasferì ben presto a Venezia, dove continuò e completò i suoi studi sotto la guida di  Gregorio Lazzarini e Sebastiano Ricci.

All’inizio realizzò dipinti antichi per opere teatrali, collaborando con lo scenografo Alessandro Mauro, a Dresda così come a Monaco di Baviera.

Nel 1717 realizzò dei dipinti antichi per il palazzo della Residenza di Monaco di Baviera, che rappresentavano le Quattro parti del mondo,  andati perduti durante l’ultima guerra mondiale.

Il primo quadro firmato e datato è l’Estasi di San Francesco (1727)a Belluno in San Rocco, che ha evidenti richiami a quello di Sebastiano Ricci, che si trova a Praga.

Queste prime opere sono caratterizzate da colori accesi e sgargianti, con colate rapide e fragranti. Fu quello un periodo molto fiorente per l’artista.

La sua attività si svolse prevalentemente a Venezia, dove veniva aiutato anche dai due figli, divenuti anch’essi pittori; da lì, inviava a destinazione i dipinti richiesti dalla moltitudine di committenti.

Il 1751 sembrò essere un anno parecchio intenso per l’artista. In quell’anno, infatti, gli venne commissionato il “cielo domenicano” di S. Bartolomeo a Bergamo e il baldacchino della basilica Sant’Antonio di Padova.  Avendo riscosso molto successo, ricevette altre commissioni su quella scia, come il dipinto l’Adorazione dei Magi per Clausone.

Nel 1760, aiutato dai figli, realizzò gli affreschi per la Villa Barbini a Caselle d’Asolo.

Gli ultimi suoi dipinti mostrano un ritorno all’accademismo dal gusto neoclassico,  come si nota nelle tele del soffitto della Scuola di S. Giovanni Evangelista a Venezia.

Notevoli inoltre sono i bozzetti e i disegni preparatori.

Nel 1766 il pittore fu rieletto alla presidenza dell’Accademia per altri due anni, ruolo che però non poté ricoprire fino alla fine a causa della sua morte improvvisa in una bottega di caffè in piazza S. Marco a Venezia il 17 agosto 1767.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


39222