Close
Antichità Giglio

La galleria Antichità Giglio si occupa dal 1978 dell'acquisto e della vendita di dipinti antichi, dipinti dell'800, dipinti del '900 e di arte moderna e contemporanea. Lino Giglio, il titolare, è un perito iscritto alla Camera di Commercio di Milano e all'Albo del Tribunale di Milano.

Richiedi una Valutazione.

Contattaci senza impegno per ricevere una valutazione gratuita delle tue opere: chiamaci al numero 02 29.40.31.46 o al cellulare 335 63.79.151 o inviaci una mail a info@antichitagiglio.it!

Celentano Bernardo

(Napoli, 23 febbraio 1835 – Roma, 28 luglio 1863)

Bernardo Celentano nacque a Napoli nel 1835. Si dimostrò sin da subito incline all’arte della pittura, studiandone le tecniche  dapprima con il maestro Luigi Stabile e in seguito all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, sotto la guida di Camillo Guerra e di Giuseppe Mancinelli.

Uno dei suoi primi dipinti antichi,  Un inutile pentimento (Roma, Gall. naz. d’arte moderna), venne premiato alla mostra napoletana del 1851. In quell’occasione conobbe Domenico Morelli, caposcuola della pittura napoletana ottocentesca, con il quale strinse una grande amicizia e che di  Celentano ha anche lasciato un celebre ritratto, conservato anch’esso alla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma.

Conseguito nel febbraio 1853 il primo premio della Scuola superiore di pittura con il dipinto Ulisse e Diomede che rapiscono il Palladio, partì per Roma, dove si esercitò a copiare, secondo le regole mancinelliane, i grandi maestri del Rinascimento, soprattutto Raffaello, osservando con attenzione i quadri dei maggiori artisti contemporanei.

Ne 1856 ebbe finalmente l’opportunità di intraprendere un viaggio d’istruzione artistica, durante il quale entrò in contatto con diverse realtà e si rese conto delle tantissime innovazioni attuate da diversi artisti.

Cominciò il suo distacco dalle regole accademiche ed il tentativo di rinnovare il suo linguaggio pittorico.

Insieme a Morelli ed a Filippo Palazzi, Celentano fu infatti animatore del movimento verista di quel secolo.  I suoi intenti erano mettere in risalto la psicologia dei personaggi  e ricostruire l’evento storico basandosi su documenti e sopralluoghi, non tralasciando l’ambientazione della scena e i valori luministici desunti dal vero. Opere che riflettono questo passaggio pittorico sono senz’altro il dipinto Arco di Tito ed i ritratti La marchesa Ferrarelli Il pittore Ruggiero.

L’opera di Celentano si basa soprattutto su ritratti e quadri di soggetto storico. Tra i dipinti antichi più importanti si ricordano Il DogeIl Tasso infermo a Bisaccia ed il più famoso Il Consiglio dei Dieci.

Morì a Roma, nel 1863.


Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano
e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.

Antichità Giglio è iscritta alla FIMA (Federazione Mercanti D'Arte Antica),
all’Associazione Antiquari Milanesi e all’AAI (Associazione Antiquari d’Italia).

Federazione Italiana Mercanti d’Arte
Associazione Antiquari Milanesi
Associazione Antiquari d’Italia

Vuoi una valutazione?
Contattaci senza impegno!

Compila il modulo oppure contattaci al numero
02 29.40.31.46 o al 335 63.79.151
Acquistiamo dipinti antichi, dell'800 e del '900, arte moderna e design, sculture, mobili antichi, oggetti d'arte e antiquariato orientale.

Le valutazioni sono fornite gratuitamente se richieste a scopo di vendita presso la nostra galleria, anche senza impegno, ma a nostra discrezione.

Ti invitiamo anche a leggere cosa NON acquistiamo, prima di inviare la richiesta

Informazioni Personali



Invio fotografie


86414