Asta di mobili antichi

asta antiquariatoPer comprare della mobilia d’antiquariato si può optare per il web, per i privati o per un’asta di mobili antichi. I mobili d’antiquariato hanno una classe ed un fascino intramontabile, conferiscono un tocco di stile senza eguali all’arredamento. Partecipare alle aste non è difficile, ma occorre avere un budget considerevole perché pur riuscendo a fare qualche affare non si trovano delle vere e proprie “occasioni” in compenso di acquistano mobili di un certo valore e di una certa età. Al di fuori delle aste, si trovano mobili antichi ma sovente non abbastanza per esser dei veri pezzi pregiati da collezione.

Asta di mobili antichi: cosa c’è da sapere

Le origini delle compravendite pubbliche risalgono ai tempi dei romani, era consuetudine segnalare una vendita pubblica conficcando un’hasta nel luogo in cui si sarebbe svolta. All’epoca, chiaramente, non era usanza vendere mobili difatti questo genere di articolo inizierà ad esser in voga soltanto dopo il settecento (fra le più famose case d’aste ricordiamo Sotheby’s e Christie’s), inizialmente l’antiquariato era un privilegio che solo una fetta abbiente della società poteva permettersi.

Nei giorni nostri, un’asta di mobili antichi è tutto sommato più accessibile ma occorre conoscerne i dettagli per esser sicuri di non esser truffati. Prima di prender parte ad un’asta occorrerebbe averne il catalogo, per conoscere i pezzi che saranno messi in vendita, i documenti necessari per iscriversi, la percentuale dei diritti d’asta ed infine prendere visione delle regole nel caso in cui siano già state stabilite.

In primis occorre prender parte all’esposizione dei mobili antichi, che avviene prima dell’asta. E’ un passaggio fondamentale perché ci permette di vedere dal vivo i pezzi sul catalogo, quindi di scoprire se sono effettivamente come in foto o nascondo dei difetti (ecco perché è meglio andare di persona alle aste). In tal modo si realizza cosa si desidera realmente comprare e se i mobili siano davvero di valore, non dimostratevi tuttavia interessati a nulla in particolare onde evitare che il battitore salga con il prezzo al momento dell’asta. Una volta acquistato, il mobile va pagato e non può essere reso.

Al momento dell’asta il battitore provvederà a catturare l’attenzione degli acquirenti, far salire i prezzi (attenzione alle “aste ad offerta libera” molto spesso si parte da una base d’asta anche consistente, quindi non da zero) e quindi aggiudicare l’oggetto al miglior offerente. Non fatevi prendere dalla gara del “chi offre di più” ma siete ragionevoli, se il prezzo sale ma il mobile si potrebbe trovare anche altrove, non proseguite nelle offerte. Ricordate che nel prezzo non è incluso il diritto d’asta, che sarà aggiunto al momento del pagamento.

Acquistare ad un’asta di mobili antichi

I mobili d’antiquariato spaziano dai tavoli, ai cassettoni, ai letti alle sedie e sono davvero tanti. Occorre un minimo di dimestichezza con gli stili, se ad esempio si vuole acquistare all’asta un mobile francese, si dovrebbe almeno in linea di massima saper riconoscere a che epoca appartiene. Soprattutto bisognerebbe esser in grado di capire se si tratta davvero di un mobile antico; avere queste nozioni nel campo dell’antiquariato è fondamentale, diversamente si rischia di acquistare delle imitazioni.

Nel caso di un mobile antico occorre osservarne le forme, ma soprattutto la patina esteriore che indica se il mobile ha subito trattamenti o meno. E’ necessario osservare i minimi dettagli: il materiale dei cardini, delle serrature, l’interno dei cassetti, se si notano giunture o sostituzioni in questo caso il valore diminuisce. Nel caso di sedie e divani si controlleranno ad esempio fondo e stoffa. Sempre nel caso del mobile è importante identificarne il materiale, un lastronato ha un valore differente da un massello ad esempio, così come le rifiniture in ottone non equivalgono a quelle di bronzo dorato. Nel suo insieme il mobile deve avere i segni distintivi dello stile dell’epoca, diversamente ci sono molte probabilità che si tratti di un’imitazione.

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio