Claude Lorrain

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Claude Lorrain.
Per maggiori informazioni clicca qui

Claude-lorrain-dipintoClaude Lorrain, in origine Claude Gellée, nacque a Chamagne,Francia, nel 1600. Fu un pittore ed incisore famoso in Italia poiché si trasferì molto presto a Roma, nel 1616, dove partecipò già alla decorazione di Villa Lante di Bagnaia, presso Viterbo.

Allievo del Cavalier d’Arpino e di Agostino Tassi, dopo un breve ritorno in patria durante il quale lavorò ad alcuni affreschi, si stabilì definitivamente a Roma, da cui deriva anche l’italianizzazione del nome in Claudio Lorenese, e qui si specializzò nelle rappresentazioni classiciste di paesaggi e vedute.

È  stato di fondamentale importanza il ritrovamento del suo Liber veritatis, una raccolta della produzione artistica fatta dall’autore stesso, con disegni e progetti in ordine cronologico. Il primo dipinto datato che testimonia la padronanza artistica ottenuta da Lorrain fu Paesaggio con pastori, del 1629, che assieme a Paesaggio fluviale con arco di roccia rappresenta gli esempi più importanti della produzione giovanile: è evidente il richiamo a scene arcadiche pastorali, con elementi naturali come archi di roccia e rovine che seppure rappresentati in modo semplice caratterizzano già il suo attento uso della luce e degli spazi.

Dopo alcuni incontri con altri noti pittori paesaggisti, tra cui Joachim von Sandrart ed il connazionale Nicolas Poussin, Lorrain si affermò sempre più nell’ambiente artistico romano, con dipinti commissionati dal cardinale Bentivoglio e Filippo IV di Spagna che aprono la strada per i dipinti che tra il 1637-1639 consegnerà a papa Urbano VIII: Paesaggio con danza di contadini ed i due ottagoni Paesaggio con Castel Gandolfo e Porto di Santa Marinella.

All’inizio degli anni quaranta è attribuito invece il Paesaggio con satiro danzante e figure, uno dei primi soggetti bacchici ed attorno al 1654 raggiunge la piena maturità stilistica con il Paesaggio con Parnaso, di grandi dimensioni ed appartenente alla cosiddetta “grande maniera”. Dagli anni ’60 in poi rallentò notevolmente la sua produzione, a seguito anche di una malattia; continuò a dipingere su commissione per personalità importanti tra cui papa Clemente X e la famiglia dei Colonna. Morì a Roma nel 1682.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio