Batoni Pompeo

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Batoni Pompeo.
Per maggiori informazioni clicca qui

pompeo-batoni-telaPompeo Girolamo Batoni fu un pittore italiano,  nacque a Lucca il 25 gennaio 1708, dove visse la sua gioventù e  dove dimostrò immediatamente la sua predisposizione per la pittura  e le attività artistiche. Suo padre,  Paolino Batoni, un  famoso orafo del tempo, gli insegnò molte tecniche e iniziò la collaborazione con il figlio. Il suo impegno e la sua abilità nel decorare e cesellare metalli preziosi gli consente di riscuotere enormi successi a Lucca, e difatti nel 1727 si trasferì a Roma, dove svolge un percorso di formazione, presso la bottega Francesco Ferdinandi, durante il quale si esercita nella copia di opere di Raffaello e Annibale Carracci.

Diventa molto bravo e cresce artisticamente da diventare un noto pittore del Settecento. Finalmente, ormai quarantenne, comincia ad avere richieste e commissioni di un certo prestigio. Difatti la prima commissione gli viene chiesta da Forte Gabrielli, il conte di Baccaresca che gli chiede la celebre Madonna in trono con Santi e Beati della famiglia Gabrielli di Gubbio, per la chiesa di San Gregorio al Celio a Roma.Gli vengono commissionati altri incarichi, tra cui una pala d’altare.

Fu in questo periodo che Batoni si specializzò nei ritratti, che erano parecchio remunerativi, grazie ad uomini  stranieri di passaggio a Roma per il Grand Tour. Batoni fu considerato il miglior pittore di fama internazionale, perché i suoi più numerosi committenti erano inglesi e irlandesi. In molte sue opere egli dipingeva motivi allegorici e mitologici. La sua natura di artista così garbata e composta mostra Batoni tendente al neoclassicismo.

Tra i suoi ritratti si evidenziano in modo più rilevante l’imperatore d’Austria Giuseppe e papa Pio VI. L’immagine del Sacro Cuore di Gesù, dipinta nel 1767, attualmente si trova nella chiesa del Gesù a Roma ed è molto diffusa tra i cattolici. Nel 1743 realizzò un’opera prestigiosa, l’Estasi di Santa Caterina da Siena, che attualmente si conserva al Museo Nazionale di Lucca. Batoni muore a Lucca il 4 febbraio del 1787.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio