La Pittura Fiamminga

pittura fiamminga

La pittura fiamminga ha origine nelle Fiandre nel ‘400 e influenza la produzione artistica anche del secolo successivo. La zona era molto ricca, fitta di scambi commerciali, questo consentì un proficuo diffondersi di questa nuova arte pittorica in tutta l’Europa, grazie all’opera dei mercanti che iniziarono ad apprezzare le opere fiamminghe e ad acquistarle. In questo periodo si assiste ad un profondo rinnovamento della pittura. Gli artisti sperimentano nuove modalità espressive. Alla base c’è l’idea di sviluppare ai massimi livelli il realismo: riprodurre la realtà in maniera precisa ed oggettiva, anche per questo motivo viene perfezionata la tecnica della pittura ad olio. I colori ad olio consentono agli artisti di riprodurre i minimi dettagli con una precisione fotografica.

Van Eyck viene considerato il massimo esponente della pittura fiamminga. Con questa locuzione si indica la produzione artistica di una vasta area geografica che comprende molte città tra cui Gand, Bruges, Anversa. La pittura di Van Eyck supera ben presto i confini locali diffondendosi in molti paesi. L’artista offre nei suoi quadri una raffigurazione analitica della realtà. La sua attenzione ai particolari ne fa uno dei più grandi pittori del tempo: un vero e proprio caposcuola. Il dipinto più rappresentativo è il Ritratto dei coniugi Arnolfino nei quali si rivela una ricchezza di particolari assolutamente sorprendente.

La pittura fiamminga si sviluppa anche grazie al mecenatismo della nobiltà che commissiona i dipinti ai più grandi artisti del tempo. è in questo periodo che si diffonde anche la pittura di genere: ritratti, nature morte e paesaggi sono i soggetti preferiti. Gli artisti fiamminghi amano la perfezione formale e la precisione stilistica che cercano di raggiungere tramite studi accurati sulla luce, sulla scomposizione dei colori, tramite lo studio dei materiali, per renderli in tutta la loro verosimiglianza. L’attenzione è concentrata sulla rappresentazione delle figure in modo da rendere, con una realismo impressionante,la consistenza dei diversi materiali sulla tela. Tutto viene riprodotto nei minimi dettagli: rughe, espressione del volto, pieghe delle stoffe, venature del legno, trasparenza del vetro. La pittura fiamminga restituì alla pittura religiosa l’importanza e la grandezza che aveva avuto nel passato. Madonne, vergini, episodi sacri sono stati rappresentati dai maestri fiamminghi con una verosimiglianza straordinaria. La luce diventa l’elemento unificante dei dipinti ed anche lo spazio viene rappresentato in maniera abbastanza precisa.

Anche la ritrattistica risulta profondamente trasformata: a dominare è il tre quarti rispetto al classico profilo. Nei dipinti fiamminghi si cela un forte simbolismo e un modo nuovo di considerare l’essere umano: non più al centro del mondo ma come parte del tutto. La tecnica elegantissima dei pittori fiamminghi viene esaltata dall’utilizzo della pittura ad olio che conferisce alle tele una luminosità ed una trasparenza senza precedenti. I maggiori rappresentanti della scuola fiamminga sono, oltre a Van Eyck, Memling e Van DerWeyden.

Maggiori info sui pittori fiamminghi qui

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio