Pittori: Giacomo Balla

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Giacomo Balla. Per maggiori informazioni clicca qui.

dipinto Giacomo Balla

Giacomo Balla è stato, oltre che pittore, anche scenografo e scultore, figlio di un appassionato di fotografie. Nasce il 18 luglio 1871 a Torino e fin da bambino è attratto dall’arte, ama molto disegnare, tanto da studiare e frequentare delle lezioni serali di disegno.

Studia violino e per diversi mesi frequenta l’Accademia Albertina. Il suo stile artistico viene influenzato molto dagli Artisti Divisionisti e affronta temi umanitari, tra i quali quello del lavoro. Famoso è il trittico La giornata dell’operaio. Nel 1895 si trasferisce a Roma e frequenta il mondo intellettuale interessato a realizzare delle scuole per i contadini della campagna romana. Nel settembre 1900 Giacomo Balla raggiunge Parigi e per sette mesi lavora per Sergio Macchiati, un illustratore.

Realizza tra il 1902 e il 1905 quattro tele il cosiddetto ciclo dei viventi: Il mendicante, Il contadino, I malati e La pazza, dove mostra tutta la sua carica umanitaria e mostra la grande attenzione che dedica agli emarginati.
Tra il 1902 e il 1905 frequentano il suo studio Umberto Boccioni, Gino Severini e Mario Sironi, tre giovani pittori che diventeranno grandi maestri e rivoluzioneranno l’arte del primo novecento.

Nel 1910 è firmatario insieme ad altri artisti del Manifesto tecnico della pittura futurista e del Manifesto dei pittori futuristi, una ricerca che regala agli amanti dell’arte dipinti come Le mani del violinista, Bambina che corre sul balcone e il Dinamismo di un cane al guinzaglio, tutti del 1912.

Nel 1914 è a Dusseldorf per decorare casa Lowenstein e in questo periodo il pittore tra forme geometriche e effetti luce produce i primi esempi di arte astratta italiana. Torna in Italia nel 1915 e con Fortunato Depero scrive il manifesto Ricostruzione futurista dell’universo, con lo scopo di allargare la poetica futurista a molti altri ambiti della vita, inserendo l’arte nel mondo della moda, dell’arredo e del teatro. In questo periodo producono un insieme di costruzioni non figurative in lamiera, seta, cartone e altri materiali di uso comune.
Giacomo Balla muore a Roma l’1 marzo 1958 e le sue opere futuriste sono ancora oggi apprezzate da giovani pittori astratti.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio