Nicola Palizzi

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Nicola Palizzi.

Per maggiori informazioni clicca qui

quadronicolapalizziNasce a Vasto il 20 febbraio del 1820. Sua madre Doralice suonava il pianoforte e suo padre Antonio era uno studioso di leggi con spiccate inclinazioni letterarie.

La sua famiglia, oltre che dal padre e la madre, era composta da due fratelli maggiori e uno minore: Giuseppe, Filippo e Francesco Paolo. Tutti e quattro partirono, poi, per Napoli desiderosi di iscriversi e iniziare gli studi presso l’Accademia delle Belle Arti.

Nicola Palizzi arriva nella capitale partenopea nel 1842 e procede subito all’iscrizione presso il Real Istituto di Belle Arti guidato dal maestro Gabriele Smargiassi.

Le sue primissime opere, dunque, risentono molto della frequentazione dei circoli artistici napoletani e della scuola di Posillipo, come è possibile notare nella Veduta della Madonna dell’Arco, ora a Vasto, conservata nella Pinacoteca Civica.

Nel 1845 vince il Pensionato a Roma che, però, non svolge a causa dei moti insurrezionali in corso nella città. Di Nicola Palizzi si nota dalle opere compiute negli anni ‘50 la capacità di utilizzare diversi stili e registri.

Dallo stile documentario, al piccolo formato, fino ad avventurarsi nei paesaggi classicisti Nicola Palizzi  si distingue per la sua tecnica, i colori fluidi e la pennellata brillante.

Nel 1854 si reca ad Avellino per un viaggio in seguito al quale vengono realizzati diversi lavori in seguito esposti alla Biennale borbonica. Qui è, infatti, presente con l’opera Veduta di Avellino a chiaro di luna, L’Arco Traiano a Benevento, Gran paesaggio di composizione e con Isola di Capri presa da Massa.

Due anni dopo decide di raggiungere il fratello Giuseppe a Parigi ma fa ritorno a Napoli nello stesso anno per dedicarsi ad opere come Corse ad Agnano e Rivista militare al campo di Marte (entrambi del 1857, Napoli, Museo di Capodimonte) e in Primavera (Vasto, Pinacoteca Civica).

Dal 1862 non fa mai mancare la sua presenza presso la Promotrice di Napoli e sono di questo periodo opere significative tra cui Piazza Orsini a Benevento e Napoli da Mergellina conservate attualmente a Vasto. In questi ultimi lavori l’abilità di sintesi e di costruzione trovano la loro massima espressione.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio