Enzo Cucchi

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Enzo Cucchi.
Per maggiori informazioni clicca qui

cucchi_enzo-operaConsiderato uno dei maggiori esponenti del nucleo storico della Transavanguardia, tematizzato da Achille Bonito, Cucchi Enzo nasce in Italia a Morro Alba nel 1949. Amante della pittura e della poesia la Cucchi era considerata il rappresentate di un ritorno al manuale, alla pittura fatta di colori che trasmettesse gioia agli occhi e al cuore, abbandonando l’arte concettuale che sin poco tempo prima dominava la realtà artistica.

Si conosce poco della sua vita e della sua formazione ma si sono certi che dalla metà degli anni Settanta si trasferirono a Roma nel tentativo di avvicinarsi al concettualismo, fonte d’ispirazione per molte delle sue opere e per un periodo si dedicò alla pittura grazie alla quale incontrarono personaggi importanti della realtà artistica romana quali S. Chia e F. Clemente. Fu grazie alla loro influenza che riuscì ad avvicinarsi al movimento della transavanguardia, creando a uno stile neoespressionista, progressivamente arricchitosi di un vocabolario figurativo e simbolico ricorrente.

Le sue opere su tela più importanti, spesso presentate da testi poetici realizzati dall’artista stesso, si ricordano “Cani con lingua a spasso“, (1980) e “Eroe senza testa“, (1981); “Sia per mare sia per terra“, (1980). In esse si nota il tentativo dell’artista di riappropriarsi con sguardo visionario della storia, della letteratura e del mito, creando a composizioni di grande intensità simbolica dove spesso il mondo è rappresentato come un campo di battaglia tra due principi opposti.

La tecnica artistica della Cucchi mira all’innovazione e a sperimentare nuovi modi di concepire l’arte e la pittura: realizza grandi composizioni a carboncino, e realizza opere con i materiali più disparati optando tra elementi convenzionali quali legno, metallo, ferro, tubi a neon e quant’altro il tutto armonizzato con un uso quasi caravaggiesco  della luce che contribuiscono a dare profondità spaziale. Dislocati nello spazio espositivo o all’interno del quadro stesso, i materiali utilizzati dalla Cucchi danno vita a opere uniche la cui aria imponente e monumentale sovrasta tutto il contesto espositivo.

Negli ultimi anni della sua carriera si dedica anche all’arte decorativa. A tale scopo si ricordano la decorazione della Cappella di S. Maria degli Angeli al Monte Tamaro in Canton Ticino (progetto di M. Botta, (1992-94)) e il sipario del Teatro La Fenice di Senigallia(1996).

Molte delle sue opere sono state esposte nelle più importanti città d’Italia tra le quali la Biennale a Venezia e in sue numerose mostre personali organizzate a Napoli, Milano e Catanzaro.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio