Castello Valerio

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Valerio Castello.
Per maggiori informazioni clicca qui
castello valerio dipintoValerio Castello nasce a Genova, il 22 dicembre del 1624 ed è un pittore italiano e figlio, il più giovane, di Bernardo Castello, che morì quando Valerio aveva appena 6 anni.

Il fratello maggiore Torquato lo avvicinò allo studio delle lettere ma nel giovane Valerio emerse da subito un amore per la pittura e per la sua spiccata personalità si mise contro la tradizione pittorica genovese.

Nessuno come lui seppe attraverso la vivacità e i colori e interpretare la cultura figurativa genovese. Valerio Castello era un artista molto solitario ma la sua arte innovativa lasciò tracce forti nella pittura genovese e, con la sua apparizione, nulla rimase come prima.

Era stato allievo di artisti celebri, come Domenico Fiasella e Giovanni Andrea, che molto influirono sulla sua inclinazione, compreso Giulio Cesare Procaccini, Correggio, Parmigianino e Van Dyck  dai quali prese spunto per la sua armonia poetica: basti pensare al Ratto delle Sabine o al Ratto di Proserpina.

Nel 1647 Valerio dipinse per il ciclo dell’oratorio di San Giacomo della Marina, la Vocazione di san Giacomo e il Battesimo di san Giacomo e nel 1648 firmò la pala della chiesa di San Siro a Santa Margherita Ligure raffigurante San Sebastiano tra i santi Lorenzo e Rocco e nello stesso anno realizzò tre tele dedicate alla vita di san Francesco Saverio nella chiesa del Gesù.

Nei dieci anni successivi dal 1647 al 1657 dipinse San Francesco che riceve le stigmate e Santa Chiara  in adorazione del Santissimo Sacramento, due piccoli olii su rame, lavorò nel palazzo di Giovanni Battista Balbi, oggi Palazzo Reale e nel palazzo del cugino di Giovanni Battista, Francesco Maria Balbi, che concluderà qualche anno dopo causa la peste.

Nel 1657 sposò Paola Maria Deferrari e poco prima di sposarsi, dettò un testamento che lasciava tutto alla sua famiglia, madre, al fratello Torquato e alla sorella Tecla Maddalena. Nel 1659 il 17 febbraio all’età di trentaquattro anni, morì improvvisamente in circostanze ancora sconosciute.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio