Calderara Antonio

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Calderara Antonio.
Per maggiori informazioni clicca qui

antonio calderara telaTra i pittori italiani vissuti nel Novecento e di una certa rilevanza nel panorama artistico dell’Italia, si ricorda in particolare Antonio Calderara: si tratta di un artista, prima ancora che pittore, nato nel 1903 e considerato a tutti gli effetti un artista di quadri astratti, moderni, ed in un certo senso ‘lirici’.

Il pittore era nato nel 1903 ad Abbiategrasso: la sua prima educazione artistica avvenne in qualità di autodidatta, ma il pittore riuscì sin da subito a mostrare un certo talento innato e del tutto naturale, che coltivò per tutta la vita con la ricerca di un astrattismo e di una modernità spesso fuori dal comune.

I primi anni della vita di questo importante artista tra i pittori italiani del Novecento, furono vissuti tra Milano ed il Lago d’Orta: come molti artisti, anch’egli era un pittore solitario, che andava alla continua ricerca di un proprio spazio artistico – ma anche materiale – nel quale rifugiarsi e dove ritrovare le condizioni più favorevoli per la sua arte. Egli considerava la solitudine come un luogo di tranquillità entro il quale trovare la pace interiore tale da produrre le sue opere: dipinti astratti, moderni, autarchici, se così li possiamo definire, ma comunque sempre degni di rilevanza soprattutto dal punto di vista pittorico.

Tra i pittori italiani di quegli anni, Calderara si distinse per l’uso di forme astratte e risolute, semplici, dalle linee essenziali ma allo stesso tempo liriche ed umane: il momento più importante, a livello umano ed anche a livello stilistico, fu per il pittore il 1958. In una nota autobiografica, il pittore dichiarò che proprio il 1958 fu la fine della ‘linea curva’: da quel momento in poi, le opere di questo artista divennero sempre più astratte, ma in un certo senso anche liriche e nostalgiche.

L’uso di linee quasi invisibili, spesso indecise, con colori spenti, delicati, spesso scuri, sono determinanti nell’arte di questo pittore italiano.

L’artista si spense nel 1978 a Vacciago (Ameno).

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio