Biasi da Teulada Giuseppe

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Biasi da Teulada Giuseppe.
Per maggiori informazioni clicca qui

Biasi-da-teulada-giuseppe-dipintoBiasi da Teulada Giuseppe fu un interessante ed apprezzato artista italiano. Nato a Sassari, il 23 ottobre del 1885, fu, tra i pittori italiani, un artista a tutto tondo perché oltre ad essere stato pittore fu anche incisore ed illustratore tra i più apprezzati.

Visse a cavallo tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, diventando – nonostante gli studi da autodidatta – un importante artista del suo tempo.

L’artista non ebbe una formazione ben precisa. Fu un autodidatta: la sua passione per l’arte lo rese, con il tempo, uno dei più importanti pittori italiani che ebbe modo di mostrare molte delle sue opere in diverse mostre ed esposizioni a cui partecipò.

Iniziò a dipingere a soli 16 anni, pubblicando le proprie opere su fogli umoristici del luogo; nel 1904, decise di fare il grande passo e di spostarsi a Roma, comprendendo che proprio quella città avrebbe potuto dargli molto dal punto di vista artistico e culturale. Ed in effetti, nel 1905 divenne un collaboratore del quotidiano L’Italie e del settimanale L’Avanti, ma non si fermò qui: alla continua ricerca del proprio miglioramento, egli decise di dedicarsi anche agli studi in legge.

Vinse, nel 1906, un concorso per scolarizzazione italiana: ritornò così in Sardegna, dove poté entrare in contatto con usi, costumi, ed abiti tradizionali, e proprio il folklore lo affascinò moltissimo, donandogli quella originalità che egli ricercava per la produzione delle sue opere.

Si laureò in Giurisprudenza nel 1908, e l’anno successivo entrò in contatto con Grazia Deledda, con la quale iniziò a collaborare.

Partecipò negli anni successivi a diverse mostre, tra cui la Biennale di Venezia, e venne chiamato a combattere nel 1915 ma dovette abbandonare il fronte in seguito ad una ferita alla gamba. Poté così ancora una volta dedicarsi all’approfondimento degli studi artistici ed alla produzione di opere con le quali partecipò alla Galleria Pesaro nel 1919.

Viaggiò ancora, recandosi in Nord Africa dove ebbe modo di conoscere e di misurarsi con l’arte indiana, e pubblicò negli anni successivi alcuni opuscoli di polemica nei confronti del sistema organizzativo delle mostre. Gli ultimi anni non furono particolarmente piacevoli perché l’interesse del pubblico andava pian piano scemando, ma rimane comunque un apprezzato ed interessante artista tra i pittori italiani del suo tempo.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio