Alviani Getulio

Antiquariato Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Alviani Getulio.
Per maggiori informazioni clicca qui
Alviani-Getulio-tela

Fra i pittori italiani più noti citiamo Getulio Alviani, artista friulano, la cui creatività fra gli ’60 e ’70 ha consentito lo sviluppo dell’arte cinetica.

L’Alviani nasce ad Udine il 5 settembre 1939, si forma presso il laboratorio dello scultore statuario Max Piccini ad Ufine, dove apprende le basi dell’arte plastica. Successivamente collabora con uno uno studio tecnico di architetti ed ingegneri ed infine approda in un’industria di apparecchiature elettriche dove lavora come grafico e progettista.
Sono questi gli anni in cui, oltre a manifestare il suo interesse per l’arte plastica, l’Alviani, pittore famoso, esplora i problemi della comunicazione visiva e studia la percezione sensoriale del movimento, traducendo il tutto in arte cinetica.
Negli anni ’50 i suoi primi lavori riguardano le "linee luce", superfici metalliche fresate che poi, organizzate che poi vengono ordinate per formare le superfici a testura vibratile, la concretizzazione dei suoi studi artistici.

Debutta negli anni ’60 ad una  personale alla Mala Galerija di Lubiana, seguita da un’altra mostra alla Galerija Suvremene Umjetnosti di Zagabria. Successivamente partecipa alla mostra "Arte programmata" organizzata dalla Olivetti a Venezia, Roma e Düsseldorf. Quindi ancora alla  collettiva "Anno 62" presso la Galerie ‘t venster di Rotterdam, attirando l’attenzione del movimento internazionale Nove Tendencije di cui entra a far parte. Gli anni ’60 sono un periodo particolarmente fruttuoso per l’artista poiché espone in molte mostre, stringendo amicinzie con diversi pittori italiani famosi.

Negli anni ’70 sale in cattedra presso l’Accademia di belle arti di Carrara. Negli anni ’80 lascerà l’insegnamento per ricoprire la carica di dirigente del Museo de Arte Moderno Jesús Soto di Ciudad Bolívar in Venezuela.
Negli anni ’90 Alviani partecipa a varie mostre al Muzeum Okregove di Chełm ed al Muzej Suvremene Umjetnosti di Zagabria.
"Open Ends" è la collettiva che si è svolta presso il Museum of Modern Art di NY nel 2000 ed in cui Alviani ha esposto le sue opere. L’anno seguente partecipa ad una mostra monografica di superfici metalliche allo Städtischens Museum Gelsenkirchen e una rassegna al Mondriaanhuis di Amersfoort, a cui seguono delle mostre itineranti fra i musei di: Ulm, Mannheim, Gelsenkirchen, Kiel, Schwerin e Klagenfurt am Wörthersee. Ancora espone al Museo nacional centro de arte reina Sofia di Madrid nella mostra Lo[s] Cinético[s] e poi al Columbus Museum of Art di Columbus, Ohio. Fra le ultime esposizioni dell’artista italiano cito la collettiva “Ghosts in The Machine” presso il New Museum of Contemporary Art di NY e la collettiva Dynamo- un siecle de lumiere et de mouvement dans l’ar tal Grand Palais di Parigi.

Attualmente Alviani si dedica agli studi di architettura ed alle sue ricerche strutturali e visive curando diversi testi.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio