Anton Zoran Music

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Anton Zoran Music.
Per maggiori informazioni clicca qui
music zoran anton quadroNasce il 12 Febbraio del 1909 a Gorizia e trascorre l’infanzia a  Bukovizza. Durante la prima guerra mondiale, scappa insieme a fratello e alla mamma come profugo  in Stiria.

Frequenta il liceo, prima di  iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Zagabria. Su consiglio del suo maestro Babic, si trasferisce a Madrid e comincia ad  eseguire copie di Goya e di El Greco.

Allo scoppio della Guerra Civile nel 1936 lascia Madrid e si trasferisce in Dalmazia. Dal 1941 con il gruppo degli Indipendenti partecipa ad alcune mostre collettive e nel 1943  espone a Trieste alla Galleria Decrescenzo dove incontra la pittrice che poi diventerà sua moglie Ida Cadorin.

Accusato dalle SS di collaborare con gruppi antitedeschi viene arrestato nel 1944 dalla Gestapo e trasferito prima a Trieste, poi deportato a Dachau, prigioniero numero 128231 e benché sorvegliato, a rischio della vita, riesce a disegnare.

Il disegno gli servirà a sopravvivere a quell’orrore quotidiano. Con  la liberazione fa ritorno a Venezia e nel 1948 espone alla Biennale di Venezia e le sue opere: sono le collezioni più importanti.

Nel 1951 si trasferisce con la moglie a Parigi. Qui vince il Premio Parigi e un contratto con la Galerie De France, poi la sua prima mostra a  New York alla Galleria Cadby Birch nel 1953 e vince  il Gran Premio della Grafica alla Biennale del 1956.

Partecipa nel 1960 alla Biennale di Venezia e vince il Gran Premio per l’arte grafica. È del 1970 il ciclo Noi non siamo gli ultimi, un’esposizione ispirata dall’esperienza di deportato a Dachau.

Alla fine degli anni ottanta si dedica agli Autoritratti e agli Atelier ed è insignito della Legion d’Honneur. Le opere di Anton Zoran Music sono state molto apprezzate a livello internazionale e sono conservate nei più importanti musei del mondo, principalmente in Italia, Germania Francia Slovenia  e Stati Uniti.

Music veniva soprannominato il pittore dei cavallini, per via di un suo soggetto preferito, i cavalli. Muore a Venezia nel 2005.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio