Beckmann Max

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Beckmann Max.
Per maggiori informazioni clicca qui

beckmann-max-operaNato a Lipsia il 12 febbraio del 1884, Max Beckmann fu un importante pittore tedesco, a metà strada tra l’Impressionismo e l’Espressionismo, di cui si ricordano in particolare dipinti moderni ed opere non solo di notevole importanza ma anche parecchio apprezzate dal pubblico.

L’autore di dipinti moderni fu un appassionato di arte e pittura sin dai primi anni della sua vita: infatti, egli iniziò a dipingere molto presto e nel 1899 ebbe modo di frequentare l’Accademia di Weimar, che gli consentì di apprendere i rudimenti dell’arte fino al 1903.

Ebbe poi modo di spostarsi in varie città europee: gli piacquero in particolare città d’arte come Parigi e Firenze, custodi di opere importanti dal sapore classico ed antico come quelle appartenute alla mano di Remdrandt, Luca Signorelli, e molti altri ancora.

All fine del suo viaggio formativo, si spostò a Berlino, e nel 1906 si unì ad un movimento artistico della Secessione: qui rimase fino al 1915, dipingendo dipinti moderni ma anche molto romantici e sentimentali, in cui si nota la sua ricerca di un compromesso tra due movimenti artistici di quel periodo. In quegli anni, infatti, l’arte era ancora consacrata alla cultura dell’Impressionismo, mentre dall’altro lato molti artisti accoglievano e facevano proprie le caratteristiche tecniche tipiche dell’Espressionismo.

L’artista non fu da meno: anch’egli, come molti altri, cercò in un primo momento di dedicarsi alla ricerca di un compromesso tra le due correnti artistiche, scegliendo infine la strada del nascente Espressionismo, di cui molti dei suoi dipinti moderni sono espressione.

Gli orrori e la tragedia della Prima Guerra Mondiale – a cui in un primo momento partecipò – e del nazismo, divennero per lui fonte di ispirazione per la produzione di opere in cui emergono i temi angosciosi e ricchi di sensazioni e sentimenti negativi come la paura, la morte, ed il dolore.

L’artista si spense a New York, il 27 dicembre del 1950.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio