Albin Egger Lienz

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Albin Egger Lienz.
Per maggiori informazioni clicca qui

Albin Egger Lienz operaApprezzato pittore ed artista di origini austriache, Albin Egger Lienzebbe un importante ruolo nella cultura pittorica dell’Austria a partire dalla fine dell’Ottocento fino agli inizi e la prima metà del Novecento, in cui fu particolarmente attivo.

Albin Egger Lienz fu in un certo senso un figlio d’arte: nato a Doelsach il 29 gennaio del 1868, la madre si chiamava Maria Trojer – dalla quale prese subito il cognome – mentre il padre non naturale si chiamava Georg Egger ed era un affermato pittore di chiese ed edifici legati al culto ed alla religione. Inizialmente, egli era stato battezzato con il cognome della madre, mentre successivamente poté cambiare il suo cognome diventando Egger.

Il giovane Albin aveva una passione per la pittura sin da quando frequentava le scuole elementari: infatti, proprio in quel periodo iniziò ad avvicinarsi al mondo pittorico ed artistico, approfondendo l’interesse per l’arte sia grazie al padre – che era un pittore affermato in quel periodo, per lo più trattando quadri antichi ed opere legate alla cultura religiosa – sia grazie all’aiuto di Hugo Engl.

I suoi genitori notarono sin da subito il suo interesse per l’arte, e per questo motivo lo invitarono a proseguire gli studi presso l’Accademia di Belle Arti, a Monaco di Baviera, dove ebbe modo di ottenere l’aiuto di uomini importanti in quel settore, come Kerl Raupp, Gabriel von Hackl e William di Lindenschmit Jr.

Trascorso il periodo iniziale all’Accademia, ebbe modo di farsi le ossa per affermarsi nel mondo pittorico ed entrare a far parte della Associazione artistica di Monaco. Tra quadri antichi ed altre rappresentazioni, egli proseguì anche i suoi studi e si sposò nel 1899 con Laura Möllwald, da cui ebbe tre figli. In seguito, si spostò a Vienna, dove poté approfondire la sua passione per l’arte, per i quadri antichi e per la pittura in generale, lontano dagli acclamati ed estrosi ambienti artistici dell’epoca.

Ebbe modo, a partire dagli ultimi anni dell’Ottocento, di esporre diverse sue opere, ma più volte chiese e non ottenne l’incarico per insegnare presso l’accademia. Decise, dopo questo ultimo rifiuto, di allontanarsi dal mondo viennese e di trasferirsi ad Innsbruck, dove finalmente ottenne l’incarico sperato. Contro la pittura monumentale, si avvicinò agli antichi maestri, diventando pittore di guerra nel 1916.

Ebbe una certa importanza anche in Italia, dipingendo e mostrando opere di guerra.

Si spense a Santa Giustina, Bolzano, il 4 novembre del 1926, a causa di una polmonite che gli fu fatale.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio