Pellizza da Volpedo Giuseppe

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Pellizza da Volpedo Giuseppe.
Per maggiori informazioni clicca qui

giuseppe-pellizza-da-volpedo-dipintoNato il 28 luglio 1878 a Volpedo, in provincia di Alessandria, Giuseppe Pellizza è stato un grande pittore italiano, importante esponente del movimento del neoimpressionismo.

Di umili origini, da ragazzo intraprese studi tecnici. Venne raccomandato dal famoso pittore Vittore Grubicy de Dragon, conosciuto dalla famiglia per via di alcuni affari, affinché potesse iscriversi presso la prestigiosa Accademia di Belle Arti di Brera. Qui, Pellizza ebbe modo di sviluppare il proprio grande talento artistico, anche grazie alla guida di alcuni dei suoi illustri insegnanti, fra i quali figuravano i celebri pittori romantici Francesco Hayez e Giuseppe Bertini.

Iniziò dunque a realizzare i propri primi dipinti moderni, regolarmente esposti presso le mostre artistiche locali, per poi decidere di proseguire la propria formazione artistica nell’ambiente romano: dapprima presso l’Accademia nazionale di San Luca, ed in seguito a Villa Medici, presso l’Accademia di Francia.
Tuttavia la parentesi romana non fu particolarmente felice: fu così che decise di ripartire anzitempo, recandosi a Firenze, presso l’Accademia delle Belle Arti, dove trovò come maestro il grandissimo pittore ed incisore Giovanni Fattori, tra i più grandi esponenti della corrente macchiaiola.

Mai soddisfatto dei risultati raggiunti, negli anni successivi proseguì a studiare in varie scuole artistiche, sotto l’ala di diversi illustri artisti e pittori: a Bergamo, presso l’Accademia Carrara, seguendo i corsi di Cesare Vittore Luigi Tallone, poi a Genova, presso l’Accademia Ligustica. Espose i suoi dipinti in numerose fiere artistiche di grande importanza, tra le quali si ricordano quelle di Parigi, Milano e Genova.

Negli anni successivi si avvicinò al Divisionismo del celebre pittore Giovanni Segantini, fra le sue più grandi fonti d’ispirazione.

Agli inizi del 1900 terminò la sua opera più nota, il dipinto Il Quarto Stato, al quale dedicò anni di lavoro e fatiche. Tuttavia il quadro, contrariamente alle aspettative di Pellizza, riscosse critiche e polemiche, fatto che portò alla rottura tra lui e la comunità artistica dell’epoca.

Sempre più deluso, scoraggiato e depresso, poco tempo dopo l’improvvisa morte della moglie, Teresa Bidone, che lo gettò nello sconforto più totale, si tolse la vita nel suo studio di Volpedo il 14 giugno del 1907, impiccandosi.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio