Dudovich Marcello

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Dudovich Marcello.
Per maggiori informazioni clicca qui

marcello-dudovich-operaMarcello Dudovich nacque a Trieste nel 1878. Fu pittore e pubblicitario, nonché considerato uno dei padri del cartellonismo.

Nel 1897 si trasferì a Milano, inviato dal padre per permettergli di studiare con l’amico ed oramai affermato pittore Leopold Metlicovitz. Qui venne assunto dalle Officine grafiche Ricordi, dove realizzò diversi bozzetti per pubblicità.

Due anni dopo iniziò l’esperienza bolognese. Nel 1899 fu chiamato infatti a lavorare presso lo stabilimento grafico di Edmondo Chappuis. In questi anni la sua fama crebbe, si impose in Italia e all’estero con diversi lavori e vinse con i suoi manifesti il concorso “Feste di primavera” per tre anni di seguito, indetto dalla Società per il risveglio cittadino.

In questo periodo conobbe Elisa Bucchi, sua futura moglie, che fu la musa a cui si ispirò per tutte le figure femminili delle sue opere.

Il suo stile era pervaso da bidimensionalità, forme semplificate ed accentuate. La scelta dei temi, dei soggetti, delle donne costruite con pochi tratti (ad esempio quella del Liquore Strega del 1906), rimandavano a Bonnard, Cheret e Toulouse Lautrec.

Nel 1906 tornò a Milano, dove preparò un evento d’importanza europea: l’Esposizione Internazionale, collegata all’inaugurazione del Traforo del Sempione.

Come illustratore fu inviato speciale della rivista satirica Simplicissimus  a Ostenda, Dauville, Parigi, Londra, Montecarlo e realizzò dipinti di ambiente e ritratti di personaggi alla moda che furono raccolti in un album edito a Monaco nel 1913.

Allo scoppio della prima guerra mondiale rientrò in Italia, ma non fu arruolato come tutti gli altri suoi colleghi, perché venne accusato di essere germanofilo a casa della sua collaborazione con la rivista. Si salvò grazie all’intervento di Giulio Ricordi, col quale non aveva mai smesso di avere rapporti di collaborazione.

Fra i clienti di Dudovich si ricordano soprattutto Carpano, Pirelli, Strega, Assicurazioni generali, La Rinascente. Con quest’ultima ditta stabilì un rapporto privilegiato e continuo (1921-1956), realizzando più di cinquanta manifesti.

La seconda guerra mondiale e la morte della moglie (1945) determinarono la cesura con il cartellonismo commerciale. L’artista cominciò a concentrarsi sulla realizzazione di dipinti, di ritratti e sulla decorazione.

Morì a Milano il 31 marzo 1962.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio