Dadamaino

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Dadamaino.
Per maggiori informazioni clicca qui

dadamaino-operaEdoarda Emilia Maino, detta Dadamaino, nacque a Milano nel 1930. È stata un’artista appartenente all’avanguardia milanese, con la sua poetica ispirata al capovolgimento dei concetti di produzione seriale.

Avendo iniziato tardi a dedicarsi all’arte, espose i suoi primi dipinti astratti solo nel 1956 in mostre collettive. In quegli anni aderì appunto al movimento avanguardista, che aveva come punto d’incontro il Bar Jamaica.

Le sue prime opere, i Volumi, sono tele con grandi buchi di forma ellittica, dietro cui l’artista vedeva un muro pieno di luci ed ombre che vibravano e si muovevano.

Dadamaino aveva tentato diverse volte di partecipare alla mostra “La donna nell’arte contemporanea” senza mai riuscirci. Nel 1959, finalmente, riuscì a portare un suo quadro, anche se non venne rappresentato a catalogo.

Aderì al gruppo milanese Azimuth, fondato da Piero Manzoni, che stringeva contatti con il Gruppo Zero in Germania, il gruppo Nul in Olanda e il gruppo Motus in Francia. Negli anni sessanta presentò i suoi dipinti a molte mostre in Inghilterra, Svizzera, Germania, Olanda, Belgio, Francia, Spagna. Ottenne più riconoscimenti all’estero che in Italia.

Nel 1967 espose a Milano presso la Galleria Il Cenobio nella mostra “La Nuova Tendenza”, di cui fu una dei fondatori insieme a Bruno Munari ed Enzo Mari.

Nella seconda metà degli anni Settanta realizzò l’Alfabeto della mente, composto da caratteri inventati, ciascuno  dei quali era formato da vari segni di tipo alfabetico, che l’artista utilizzava per scrivere una serie di “lettere” che  consistevano ogni volta nella ripetizione di un singolo segno.

Iniziò poi a lavorare per l’opera I fatti della vita, che venne anche esposta alla Biennale di Venezia. I lavori erano formati da 461 dipinti su tela e su carta, scritti con i dodici segni ideati da lei.

Dadamaino era sempre in prima linea nei movimenti di contestazione, veniva spesso invitata a mostrare le sue ricerche, soprattutto alla Biennale.

Morì a Milano nel 2004.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio