Bellei Gaetano

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Bellei Gaetano.
Per maggiori informazioni clicca qui

bellei_gaetano-operaGaetano Bellei fu un pittore italiano, divenuto famoso grazie alla maestria in cui realizzava i suoi dipinti. Eccellente ritrattista seppe creare figure vive all’interno dei suoi quadri: una tecnica sublime, un cromatismo vivace e sapiente, un talento innato nel cogliere la profondità dell’animo umano per tradurla in arte.

Gaetano Bellei nacque a Modena, nel 1857 dai genitori Lorenzo e Vienna Molinari. Nel 1870 iniziò a frequentare presso l’Accademia di Belle Arti di Modena, le lezioni di Disegno di Antonio Simonazzi, quelle di scenografia di Ferdinando Manzini e di Mitologia e storia di Ferdinando Asioli, con grande soddisfazione dei suoi mentori visti l’impegno ed il talento dimostrati dall’allievo. Fu in seguito sotto la guida di Adeodato Malatesta e di Giovanni Muzzioli.

Nel 1881 si aggiudicò il Pensionato Potetti con il quadroIl Francia ammira la Santa Cecilia di Raffaello”, quindi cogliendo l’occasione al volo si diresse verso Roma dove approfondì i suoi studi. Effettivamente durante il soggiorno romano si avvicinò molto all’Accademia di Francia, studiandone la perfezione del disegno, ed all’Accademia di Spagna dalla quale apprese un vivace uso della tavolozza.

I dipinti di Bellei Gaetano

E’ proprio degli anni del soggiorno romano, uno dei primi dipinti famosi del Bellei, recante titolo “Rispa” accolto dal pubblico e dalla critica come un autentico capolavoro. Da qui in poi iniziò l’ascesa nel mondo della pittura del Bellei: espose a Firenze, nel 1883, a Torino nel 898, a Londra nel 1888 e nel 1922 nella Royal Academy, nel 1906 a Liegi ed a Roma nel 1911. Il suo tratto fresco, luminoso, vivace e l’agilità con cui realizzava le sue tele fecero la fortuna di quest’artista.

Nel 1893 si ristabilì definitivamente a Modena, divenne insegnante nellIstituto di Belle Arti e si dedicò ad alcune commissioni ecclesiastiche.

Fra i dipinti più famosi del Bellei ricordiamo: Rispa, L’Annunciazione, II ritratto della N. D. Marga Zuccoli-Nasi, La Vergine Madre, Il micino fortunato, Ritratto dei coniugi Sigg. Palazzi, Ritratti dal vero, Ritratto, Spasimo, Accoglienza gradita, Studio e Le quattro stagioni.

Morì a Modena nel 1922.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio