Armenise Raffaele

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Armenise Raffaele.
Per maggiori informazioni clicca qui

armenise-raffaele-operaRaffaele Armenise fu un noto pittore barese nonché incisore, assorto alla fama grazie allo straordinario talento che riversava nei suoi dipinti.

Nacque a Bari nel 1852, si trasferì a Napoli nel 1869, dopo aver vinto una borsa di studio, per studiare presso l‘Istituto di Belle Arti sotto la guida di Domenico Morelli, Filippo Palizzi e Federico Maldarelli.

Fortuna dei dipinti dell’Armenise

Le opere dell’Armenise s’incentrarono da subito sulle scene di genere, le scene popolari e sulle scene di costume, quadri che fecero letteralmente la fortuna dell’artista. Nel mentre continuò a dedicarsi alle incisioni ed alle litografie oltre che al disegno ed alle illustrazioni di libri e riviste. Fra i dipinti importanti dell’Artemise si ricordano gli affreschi della cupola del Teatro Petruzzelli di Bari, persi nel 1991 in un incendio.

Nel 1875 riuscì ad inaugurare un suo studio a Capodimonte e rapidamente divenne un pittore famoso con quadri come: il Maresciallo d’Ancre, l’Usurario ebreo, il Vaticano, Lo scotto troppo caro, La prova del veleno e I libertini.

Dopo essersi sposato, nel 1881 il pittore si trasferì a Milano dove grazie alla grande fortuna ricavata dalle sue opere si fece costruire una monumentale villa, oggi conosciuta come Palazzo Ciribelli.

In questi anni si occupò di diverse oleografie per lo stabilimento del suocero, oleografo di mestiere ma anche di diversi dipinti fra cui ricordiamo: La visita allo zio cardinale, La famiglia del cieco, l’Infanzia, La pesca e la Fede, l’Alchimista, l’Affogato, il ritratto di Giuseppe Verdi, gli Zingari e L’onore dell’ospite.

Negli anni successivi si dedicò alla decorazione della villa Bernasconi a Mendrisio, vinse una  medaglia d’oro assegnatagli del ministero della Pubblica Istruzione per l’opera “Un ricco battesimo”.

Così come era arrivata la fama rapidamente lo abbandonò e Armenise morì a Milano nel 1925 quasi da sconosciuto.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio