Boselli Felice

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Boselli Felice.
Per maggiori informazioni clicca qui

boselli_felice-dipintoFelice Boselli (Piacenza, 20 aprile 1650 – Parma, 23 agosto 1732) è stato un pittore italiano del periodo barocco, noto soprattutto come animalista e nature morte. Figlio di Cristoforo, calzolaio, e di Lucia Cattaneo, si conosce ben poco della sua infanzia.

E’ stato un pittore attivo soprattutto a Piacenza, dal 1664 al 1669, frequenta la bottega di Michelangelo Nuvolone, dove studia e si introduce nel mondo della pittura. Michelangelo Nuvolone era il fratello di Giuseppe Nuvolone, molto più noto. Proprio presso la bottega di Michelangelo Nuvolone  conosce Angelo Crivelli, soprannominato il Crivellone, animalista specializzato in selvaggina.

Lo stile di  Felice Boselli è stato molto influenzato dal Nuvolone, anche se le caratteristiche della sua pittura, sono scaturite dallo studio delle nature morte del Parmigianino, per quanto riguarda le figurazioni, e da Annibale Carracci per quanto riguarda le tematiche. Ha realizzato più di cento nature morte, gran parte sparse nei musei lombardi ed emiliani, ha realizzato anche molti dipinti di stralci di vita quotidiana, maiali squartati, teste di bue, galline, selvaggina, pesci.

Le sue opere erano sparse un poco ovunque nelle case dei nobili del Piacentino e del Parmense, gli è stata data la possibilità di condurre una vita agiata, ma non andavano oltre lo stile e il linguaggio paesano e modesto. Nelle sue pitture spesso compare un gatto, che sembra rappresenti il suo nome: feles (felino) = felix (felice). Eppure il Boselli non ha dipinto esclusivamente scene domestiche. Viene chiamato da Alessandro Sanvitale, per decorare il teatro di Fontanellato, dove lavorerà dal 1681 al 1690, è stato pittore dei conti Sanvitale agli inizi del 1700 per oltre 10 anni e oltre ai dipinti di pesci e carni sanguinanti, ha dipinto anche molti ritratti.

Felice Boselli nel 1685 ha dipinto scene mitologiche all’interno della rocca di Fontanellato, e dodici dipinti famosi raffiguranti Storie di Diana e Atteone, ispirati dal Parmigianino, nel 1702 si cimenterà anche in lavori a sfondo sacro per la chiesa di Santa Brigida a Piacenza.  Felice Boselli muore a Parma il 23 agosto del 1732.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio