Baschenis Evaristo

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Baschenis Evaristo.
Per maggiori informazioni clicca qui

Baschenis_evaristo-dipintoPittore italiano che poté contare su un discreto successo sia durante la sua esistenza che dopo la sua morte, Evaristo Baschenis fu senza alcuna ombra di dubbio uno dei più importanti pittori del Seicento soprattutto per aver creato una tipologia di opere del tutto nuove rispetto a quelle che erano le abitudini di quei tempi.

Baschenis nacque a Bergamo il 4 dicembre 1617: era figlio di un pittore, Pietro, che era appartenuto ad una famiglia di pittori, un vero e proprio lignaggio. Si comprende, quindi, come Evaristo fosse in un certo senso figlio d’arte e come la sua capacità pittorica fosse in qualche modo ereditata, seppur in parte, dal padre.

Ma ciò che colpisce di quello che è considerato tutt’oggi uno dei migliori pittori bergamaschi del suo tempo e i suoi dipinti famosi lo testimoniano, fu proprio l’innovazione pittorica di cui egli fu capace, portando una ventata di novità nelle nature morte a cui si era abituati: niente frutta né fiori, ma violini, liuti, strumenti musicali, opere che dovevano anche rappresentare il suo interesse non solo per l’arte in generale, ma anche per la musica. Non è comunque un caso che prima di arrivare a questa nuova consapevolezza pittorica volta alle nature morte in cui gli strumenti musicali la facessero da padrona, il pittore avesse già dipinto nature morte di altri generi, non disdegnando le Madonne ed anche qualche ritratto.

A questo proposito, si ricorda un autoritratto in cui Evaristo dipinse la propria figura intenta a suonare la spinetta (il cosiddetto Trittico Agliardi); e si capisce, proprio da questa opera, che il pittore amava l’arte in ogni sua forma, non solo pittorica ma anche musicale.

Allievo del padre, almeno in un primo tempo, Evaristo ebbe modo di attingere anche da altri pittori, soprattutto veneti: ebbe un interesse soprattutto per le opere del Caravaggio che, con molta probabilità dovettero essere particolarmente formative e di ispirazione per la composizione delle sue nature morte Il pittore morì a Bergamo il 16 marzo 1677.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio