Arnold Böcklin

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Arnold Böcklin.
Per maggiori informazioni clicca qui

bocklin-dipintoArnold Böcklin (Basilea, 16 ottobre 1827 – San Domenico di Fiesole, 16 gennaio 1901) è stato pittore, disegnatore, scultore e grafico svizzero, uno dei principali esponenti del simbolismo tedesco, insieme a Lovis Corinth, Max Klinger e Ferdinand Hodler.

Figlio di Christian Friedrich Böcklin, mercante, e di Ursula Lipp, a seguito di un trasferimento in Germania per seguire il padre, studia all’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf, allievo di Johann Wilhelm Schirmer, un pittore romantico, conosce durante gli studi Feuerbach. Arnold Böcklin ha rappresentato la storia dell’arte in Germania.

La sua pittura e la sua arte nel dipingere creature oniriche, centauri, ninfe, tra simbolismi e allegorie è un continuo richiamo alla morte, a tratti molto ossessivo, un mondo fantastico ma stano. All’inizio della sua carriera pittorica, cominciò con i paesaggi, poi, dopo continui viaggi fatti in Italia, influenzato dal romanticismo, diviene simbolista.  Il ritorno in Svizzera è la svolta, conosce lo storico Jacob Burckhardt, che lo convince  a trasferirsi in Italia.

Si stabilisce nella città eterna, qui incontra  è sposa la giovane Angela Pascucci. A Roma entra a contatto con la cultura classica, la sua grande fonte d’ispirazione pittorica e poetica. Si reca a Monaco di Baviera (1858) e diventa professore presso la Scuola d’Arte di Weimar. Dopo pochi anni, lascia la scuola (1862) e ritorna di nuovo a Roma. Dopo un breve giro per l’Italia, rimane attratto da Napoli e Pompei tanto da riceverne nuove influenze artistiche.

Nel 1866 rientra a Basilea, qui affresca lo scalone del Kunstmuseum che ancora oggi  ospita molti suoi dipinti famosi. Da sua moglie ha 2 figli, Carlo anch’esso pittore e Beatrice che morirà precocemente. Sente il richiamo dell’Italia e si trasferisce a Firenze(1874) e nel 1879, dipinge la prima versione della sua opera più famosa, l’Isola dei Morti. Dopo altri viaggi tra Svizzera e Italia, la sua salute lo costringe a vivere in una località di mare, quindi soggiorna a La Spezia, Lerici, San Terenzo, ed infine, nel 1893 a Firenze.

Nel 1895 si trasferisce a San Domenico di Fiesole, compra la villa Bellagio e qui rimane fino alla morte, sopraggiunta nel 1901. È sepolto a Firenze nel Cimitero Evangelico degli Allori.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio