Sofonisba Anguissola

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Sofonisba Anguissola.
Per maggiori informazioni clicca qui

anguissola-sofonisba-telaSofonisba Anguissola fu una celebre pittrice italiana divenuta famosa per i suoi dipinti antichi ma anche per esser stata una delle prime pittrici rinascimentali europee.

Formazione e debutto: come nacquero i dipinti di Sofonisba Anguissola

Sofonisba nacque a Cremona nel 1535, durante gli anni della formazione studiò presso Bernardino Campi, un pittore lombardo esponente del manierismo. Da lui la giovane pittrice, apprese la tecnica per modellare la realizzazione del suo primo amore artistico: i ritratti.

Le opere di Anguissola debuttaro presso i salotti artistici della corte italiana, grazie anche all’incredibile talento che Sofonisba mostrava per la musica e la letteratura. Fece una buona impressione specialmente su Michelangelo Buonarotti, il quale venne a conoscenza del talento della ragazza grazie al padre di lei che gli inviò alcuni disegni.

Uno dei quadri che maggiormente colpirono il Buonarotti fu “Fanciullo morso da un granchio” in particolare fu l’espressione del bimbo a colpire l’artista, e non solo lui, tanto che si ritroverà tale tecnica ritrattistica nelle sue opere ed in quelle del Caravaggio.

Durante la sua carriera artistica, Sofonisba compì vari viaggi: in Spagna, presso la corte di Filippo II  dove fu dama di corte dell’infanta Isabella; in Sicilia dove nel 1573 convolò a nozze con il nobile F. Moncada andando a vivere presso la sua dimora.

Rimasta vedova nel 1578, Sofonisba decise di recarsi in Liguria quindi proseguì verso Livorno dove conobbe e sposò il suo secondo marito. Nel 1615 fece ritorno in Sicilia dove riprese a lavorare ai suoi dipinti finché non sopraggiunse un problema alla vista. Nonostante ciò la fama dei dipinti antichi di Sofonisba crebbe tanto che il noto pittore Antoon van Dyck, in visita a Palermo nel 1624 colse l’occasione per ritrarla

La pittrice Anguissola scomparve a Palermo nel 1625.

Restano del suo talento alcuni famosi ritratti: Ritratto di Elena, Autoritratto, Partita a scacchi, Ritratto di un canonico lateranense, Ritratto di Giulio Clovio, Autoritratto in miniatura, Autoritratto al cavalletto, Autoritratto alla spinetta, Ritratto di dama, Ritratto di Massimiliano Stampa, Ritratto di famiglia, Ritratto di Minerva Anguissola, Ritratto di Isabella di Valois, Ritratto di Filippo II, Ritratto di Isabella di Valois e Madonna dell’Itria.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio